Frosinone: Piste ciclabili in tutta la città, la Giunta Ottaviani approva il progetto per la “Mobilità nuova”

Proseguono a Frosinone  gli interventi dell’Amministrazione Ottaviani a favore di una migliore qualità dell’aria e della promozione della mobilità alternativa e soprattutto ecosostenibile. La Giunta, nell’ultima seduta, ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica per la “Mobilità nuova” sul territorio urbano, per un importo complessivo di 1 milione 481.519,93 euro. Di tale somma, 1.333.367,94 sono da richiedere alla Regione Lazio, mentre altri 148.151,99 sono i fondi di Bilancio comunale di compartecipazione dell’Amministrazione (pari al 10% dell’importo complessivo), per il collegamento ciclabile del tratto Fontanelle – Campo Coni e del tratto Fontanelle – località Schioppo lungo il Cosa.

Il progetto redatto dal Servizio ambiente e coordinato dall’assessore Massimiliano Tagliaferri, punta a migliorare le condizioni di vivibilità incidendo principalmente sulle emissioni nell’atmosfera, limitando il traffico veicolare urbano e promuovendo la mobilità pedonale-ciclabile, anche attraverso precise politiche di sostegno e interventi di riqualificazione urbana.

Attraverso il finanziamento richiesto, il Comune prevede di realizzare un sistema di piste ciclabili in grado di promuovere l’uso delle due ruote come mezzo di trasporto per le esigenze quotidiane e le attività turistico-ricreative, in modo da migliorare l’efficienza, la sicurezza e la sostenibilità della mobilità. Ma anche per tutelare il patrimonio naturale e ambientale, ridurre gli effetti negativi della mobilità in relazione alla salute e al consumo del suolo, valorizzare il territorio e i beni culturali, sviluppare l’attività turistica.

Il progetto elaborato dal Comune ha diverse finalità: creare un circuito ciclabile, insieme agli interventi già realizzati e finanziati, capace di rendere un servizio ai cittadini per la presenza di connessioni con scuole, ospedali, uffici pubblici, centri sportivi, luoghi d’arte e cultura e di interesse paesaggistico; creare interconnessioni con altre forme di mobilità collettiva quali la stazione ferroviaria, il terminal dei bus e parcheggi; creare interconnessioni con le reti infrastrutturali ricadenti nell’ambito della cosiddetta “mobilità dolce” quali la Ciclovia del Basso Lazio e la Via Francigena del Sud.

Nello specifico, l’intervento prevede la realizzazione di una nuova pista ciclabile che può essere descritta da due tratti differenti in relazione alla connessione con altri segmenti esistenti o finanziati: Fontanelle (Madonna della Quercia) – Complesso sportivo Campo Coni; Fontanelle (Madonna della Quercia) – Lo Schioppo.

Il primo percorso si estende per circa 350 metri e avrà la funzione di collegare la pista proveniente dalla Stazione Ferroviaria alla via “Monti Lepini”, attraversando ortogonalmente l’asse cittadino e passando per il Centro Sportivo Campo Coni, il plesso scolastico e il parcheggio della Questura.

Il secondo si estende per circa 3.000 metri e avrà la funzione di collegare la pista proveniente dalla Stazione Ferroviaria alla località dello Schioppo, costeggiando il fiume Cosa e ricollegandosi, attraverso il passaggio presso la Villa Comunale, alla “Monti Lepini” creando, di fatto, il circuito chiuso cittadino di piste ciclabili.

In generale, l’intervento prevede la realizzazione di un tratto di pista ciclabile realizzato su strada di circa 1.600 metri e un tratto da realizzare ex novo di circa 1.400 metri. La proposta prevede la realizzazione di un percorso naturalistico pedonale nel rispetto della valorizzazione e conservazione degli habitat naturali.

Nella scelta della rete stradale dove collocare i percorsi ciclabili, è stata data la precedenza a luoghi chiave del territorio comunale di interesse culturale e naturalistico, a scuole pubbliche, uffici, servizi. Inoltre, sono stati scelti percorsi adatti a tutti per le loro caratteristiche morfologiche. Non ultimo, si è tenuto conto dell’intermodalità con la rete di trasporto esistente. Infatti, il nucleo principale di partenza del sistema di piste ciclabili è rappresentato dalla Stazione Ferroviaria cittadina, nelle cui immediate vicinanze l’Amministrazione vuole anche riqualificare un fabbricato usato in passato dai trasporti pubblici locali, convertendone una parte a “Velostazione” per il deposito delle biciclette dei pendolari. In tal modo gli utenti potranno lasciare il proprio mezzo di trasposto alternativo in un’area sicura, per ritirarlo e usufruirne in ambito cittadino, principalmente sulle piste ciclabili in fase di realizzazione, per recarsi nei luoghi di lavoro o studio.

L’idea di rete ciclabile cittadina studiata per Frosinone si raccorda anche con il Sistema Museale Urbano programmato dall’Amministrazione Ottaviani che prevede, a integrazione dell’esistente Museo civico localizzato nel Centro storico, la costruzione di nuove sedi dislocate sul territorio, in particolare nella zona della Stazione Ferroviaria, del Parco del Matusa e della Villa Comunale.

Pertanto, l’obiettivo è promuovere e potenziare attività coordinate alla tutela ambientale, condividere e razionalizzare le risorse, valorizzare i rapporti tra strutture museali e territorio attraverso la promozione di itinerari storico-culturali.