Frosinone: Raccolta differenziata sul territorio, in arrivo controlli più stretti e sanzioni

A Frosinone l’Amministrazione Ottaviani, attraverso l’assessorato preposto coordinato da Massimiliano Tagliaferri, intende proseguire nella valorizzazione e nella salvaguardia dell’ambiente con l’ottimizzazione del servizio di raccolta rifiuti porta a porta, svolto sull’intero territorio del Capoluogo dalla società “De Vizia”.

Va in questa direzione anche l’ultima ordinanza emessa dall’Amministrazione comunale, in cui sono illustrate le modalità e il calendario della raccolta per le utenze domestiche e non. Nel provvedimento sono indicate anche le regole da seguire in occasione di fiere, mercati manifestazioni o per il commercio ambulante, oltre che presso il cimitero comunale. Sono vietati, tra l’altro, l’abbandono di rifiuti di ogni tipo su tutte le aree soggette a uso pubblico nonché privato, oltre al mescolamento e al deposito a terra dell’immondizia.

Le sanzioni previste arrivano fino a 500 euro per il deposito di rifiuti non pericolosi abbandonati al suolo. Ammonta a 250 euro l’ammenda prevista in caso di conferimento dei rifiuti pericolosi nei contenitori o all’esterno; per la mancata differenziazione; per il conferimento dei rifiuti ingombranti da ritirare a domicilio in orari e giorni diversi da quelli concordati con l’operatore dell’azienda incaricata; per il mancato utilizzo o il rispetto del servizio porta a porta.

L’inosservanza dei non residenti o non domiciliati in città del divieto di conferimento nel Comune di Frosinone prevede una ammenda di 150 euro per la mancata differenziazione rilevata dagli operatori, l’utilizzo di contenitori diversi rispetto a quelli assegnati al Comune, l’esposizione degli stessi in orari e giorni diversi del calendario previsto. La sanzione è di 100 euro nei casi di rovistamento e recupero non autorizzati dei rifiuti collocati nei contenitori; utilizzo di sacchi non trasparenti, tali da non consentire la verifica della tipologia dello scarto presente, salvo deroghe espressamente previste.

“La raccolta differenziata è partita nel febbraio 2018 con una percentuale del 16,53%, con il sistema attivo soltanto in una parte della città – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani – Oggi siamo stabilizzati a una percentuale intorno al 70% sull’intero territorio comunale. Significa che l’obiettivo è stato centrato nel primo anno di attivazione del servizio porta a porta, gradualmente diffuso in tutto il Capoluogo. Un risultato raggiunto grazie alla grande collaborazione delle famiglie e dei singoli cittadini. A Frosinone ci sono pochi soggetti anche commerciali che non effettuano la separazione degli scarti. Questo comportamento fa sì che il costo del servizio venga spalmato sulle utenze civili e sulla collettività. Un comportamento che verrà debitamente sanzionato. Per disincentivare l’esecrabile fenomeno degli abusi in tal senso, verranno installate nei luoghi pubblici le foto-trappole, ovvero occhi elettronici in grado di riprendere e individuare i trasgressori. Questi dispositivi si aggiungeranno alle oltre 300 telecamere già funzionanti nell’ambito del progetto Città in Video”.