Grande capoluogo, Frosinone ha aderito. Ora il processo può partire davvero

ottaviani
Nicola Ottaviani

Via libera a alla città intercomunale. La Giunta comunale di Frosinone ha approvato formalmente l’adesione alla città intercomunale del Frusinate, cioè il grande Capoluogo che ha ipotizzato e studiato Unindustria Frosinone secondo un progetto fortemente voluto da Giovanni Turriziani, il presidente dell’associazione. Di seguito la nota:

“La giunta Ottaviani, nell’ultima seduta settimanale, ha deliberato il proprio sostegno formale alla proposta condivisa con l’Unione degli industriali e delle imprese di Frosinone, di realizzare un’area vasta, una federazione tra più comuni confinanti. Lo studio sulla competitività dei sistemi territoriali affidato all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, da cui ha preso le mosse tale proposta di unione, nasce da numerose riflessioni sviluppate in un quadro socio-economico regionale, nazionale ed europeo in continua evoluzione che ha prodotto un ridimensionamento della Provincia di Frosinone. Un quadro, questo, che ha comportato anche la perdita di importanti enti istituzionali quali, a mero titolo di esempio, la Banca d’Italia, parte del sistema ospedaliero, oltre che di centri direzionali e amministrativi di grandi aziende.

In tale logica, rientra lo studio di una possibilità di realizzare un grande sistema intercomunale basato sull’unione volontaria di comuni confinanti.

La ricerca ha messo in luce un ambito territoriale di area vasta di valenza metropolitana che, con il coinvolgimento di 8 comuni contermini (Alatri, Ceccano, Ferentino, Frosinone, Patrica, Supino, Torrice, Veroli), conferma la possibilità di istituire una dimensione tra le più grandi tra quelle nazionali.

I dati raccolti, infatti, confermano la rilevanza che l’Unione del Frusinate raggiungerebbe da un punto di vista di sostanza nei rapporti socio-economici, assumendo una estensione adeguata in relazione all’offerta di servizi generali rispetto alle esigenze prioritarie del sistema produttivo, degli investitori e dei cittadini.

L’Unione che ne deriverebbe, dunque, pur rispettosa delle identità locali e policentrica, sarebbe in grado di confrontarsi con il sistema della Capitale e oltre, mettendo a sistema aree caratterizzate da una significativa volontà di integrazione socio-economica.

Molti elementi rendono realizzabile il progetto entro due anni, a patto che i comuni individuati – e quelli che vorranno aderire – confermino la loro positiva volontà aggregativa. L’Unione del Frusinate si presenta, quindi, con una forte capacità di svolgere e gestire in modo coordinato funzioni e servizi in molteplici settori e iniziative di animazione e promozione economica, sociale e ambientale. Oltre ad una significativa semplificazione nella gestione dei servizi, l’Unione del Frusinate garantirebbe anche notevoli economie di scala, un miglioramento delle prestazioni (efficacia, efficienza e trasparenza), assumendo un maggiore peso politico complessivo. In questo senso, l’Unione rientra nelle soluzioni che rendono la Pubblica Amministrazione più flessibile e più forte anche nel contesto internazionale.

Affinché l’Unione sia istituita, naturalmente, sono necessari una serie di passaggi, con la predisposizione di uno schema di convenzione, da approvare con deliberazione consiliare assunta con la maggioranza prevista per le modifiche di statuto dei singoli comuni.

L’Amministrazione Ottaviani, con la delibera approvata in giunta, conferma così di ritenere utile lo strumento della cooperazione intercomunale, impegnandosi formalmente a partecipare al processo per la costituzione dell’Unione di Comuni per un nuovo Capoluogo, al fine della promozione e del coordinamento di uno sviluppo economico e sociale territoriale sostenibile”.

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week