Prossedi. Omicidio, si segue una pista. Oggi i funerali di Gloria, la giovane massacrata di botte

Le indagini sulla morte di Gloria Pompili, la giovane 23enne di Frosinone massacrata di botte, proseguono a tamburo battente non lasciando fuori nessuna ipotesi. I carabinieri del comando provinciale, coordinati dal sostituto procuratore Luigia Spinelli che ha aperto un fascicolo per omicidio che potrebbe restare contro ignoti ancora per poco, stanno passando al setaccio le ultime ore di vita della ragazza. La vittima, che ogni giorno partiva dal capoluogo ciociaro con la zia e il compagno egiziano per raggiungere la Nettunense dove si prostituiva tra Anzio e Aprilia, pare non avesse un cellulare a lei intestato. Un modo per qualcuno tenerla ancora di più sotto controllo. Tra le piste vagliate dai militari anche quella del racket delle prostituite dell’Est. L’ipotesi iniziale di un suo cliente che avrebbe reagito riducendola in fin di vita sembra quella meno credibile. Chi l’ha ridotta in questo modo e perchè? Il fatto terribile è che chi ha agito lo ha fatto con una violenza tale da lesionarle gli organi interni. ” Le cause della morte – scrive Maria Cristina Setacci, il medico legale che ha effettuato l’autopsia – sono riconducibili ad una riconosciuta violenta aggressione con calci e pugni sferrati a mani nude che hanno provocatola rottura di una costola e la perforazione di polmoni, fegato e milza”. Al pestaggio potrebbero aver partecipato anche più persone. C’è attesa per gli esiti degli esami del medico legale che ha effettuato prelevi sotto le unghie della ragazza per risalire al Dna delle persone che sono state con lei.

Ma gli accertamenti degli investigatori si concentrano anche sulle dichiarazioni della zia e del compagno secondo cui Gloria è salita in macchina a Nettuno, dove si era intrattenuta in un hotel, e all’altezza di Prossedi ha accusato un malore ed è morta. I militari hanno ascoltato anche i gestori dell’albergo in cui la 23enne si è recata.  Vogliamo la verità sull’atroce morte di Gloria, hanno detto i familiari attraverso il loro legale che parla di “zone d’ombra”. Verità che potrebbe non tardare ad arrivare.

Intanto oggi è il giorno del cordoglio. I funerali per l’ultimo saluto a Gloria nella chiesa della Sacra Famiglia di Frosinone.

CONDIVIDI