Roma. “Mondo di Mezzo”, tornano in carcere

Processo Mondo di mezzo, tornano in carcere Matteo Calvio e Riccardo Brugia, i collaboratori di Massimo Carminati accusati del 416 bis. Su richiesta della procura generale, la III corte d’Appello ha disposto il trasferimento in carcere per i due. Calvio, condannato a 10 anni e 4 mesi e  Brugia, condannato  a 11 anni e 4 mesi, si trovavano agli arresti domiciliari. Per gli altri due imputati che erano a rischio carcere e che si trovavano agli arresti domiciliari, l’ex consigliere comunale e regionale Luca Gramazio (condannato a 8 anni e 8 mesi) e l’imprenditore Fabrizio Franco Testa (9 anni e 4 mesi) la corte d’Appello di Roma non ha aggravato la misura cautelare. I giudici hanno ritenuto non sussistere i rischi di reiterazione del reato associativo avendo i due rescisso da tempo i legami con il sodalizio.

CONDIVIDI