Volley A2. Sora in paradiso, vince e vola in Superlega!

Aumenta l’ansia, cresce l’attesa, folto il pubblico sorano accorso a scortare i suoi beniamini, più di 300 tifosi bianconeri accompagnano la squadra di casa in questa ultima sfida del 71° campionato UnipolSai A2.  E’ il fischio del Sign. Turtù a dare il via alla partita della vita, la stagione in un solo incontro, mille emozioni in un solo palazzetto, è il nostro Romolo Mariano che apre il match dai nove metri ma e il giallorosso Vedovotto a poggiare per primo la palla sulla metà campo avversa, 1-0 per i padroni di casa. Non si fa attendere la risposta sorana, Rosso firma l’1-1 dell’equilibrio.  Spesso vicine sul tabellone luminoso le due compagini 3-3; 4-4; 5-5; allunga il passo la formazione di coach Colucci 5-6; 6-7; 7-8; ma non mollano la preda i ragazzi di Vibo Valentia, il tempo di riorganizzare il gioco nella propria metà campo e si ritorna in parità 9-9; 10-10  e pochi istanti dopo 11-11, è un bolide dell’orange, ormai volsco d’adozione, Hoogendoorn a fermare il gioco per un minuto sul 11-12, +1 risicato per la Globo, si torna in apnea per la seconda parte del game. Si gioca punto a punto, azione su azione, alto il livello di tecnica e concentrazione in entrambi i roster 12-12; 13-13; 14-14; 15-15,  cambiano marcia e scappano i calabri ; 17-15; 19-15 21-15, un break positivo che li fa volare a +6.  Cerca l’aggancio Sora, recuperano qualche lunghezza gli atleti di patron Giannett8 21-16; 22-17, ma un paio di errori a servizio prima e in attacco poi sprecano punti preziosi regalando alla Tonno Callipo il primo parziale (25-20), 1-0 si va avanti. Sono sempre i ragazzi di Mastrangelo a farsi notare nei primi minuti della seconda frazione di gioco, qualche palla ben assestata di Casoli e compagni e già sul quaderno degli appunti annotiamo un 3-1 a favore dei giallorossi, rispondono presente dall’altra parte della rete Hoogendoorn (3-2) e Giglioli (4-3), un block a due dei nostri ripristina la parità sul 4-4; si continua a viaggiare alla stessa velocità sulle corsie di Vibo e Sora  5-5; 6-6;  fino a quando gli atleti del volley sorano decidono di cambiare marcia e spingere il piede sull’acceleratore, un lungo turno di battuta di Mattia Rosso carica pubblico e compagni 7-8; 7-10; 7-11; il gioco si ferma per la pausa tecnica sul 7-12 (Mariano) e riprende con Sora ancora affamata 7-13, è un fallo di invasione  bianconero a concedere ossigeno agli avversari (8-13). Tentano l’aggancio gli atleti del presidente Callipo 9-13; 11-14; 12-15; 14-17 si arriva quasi alla parità sul 16-17  e ancora sul 18-19 ma questa volta è la Globo ad essere sempre avanti  anche solo di qualche punto 18-10; 18-22; 19-23, il solito Peter Michalovic al servizio mette in difficoltà i nostri rosicchiando punti importanti 21–23; 22-23 ma sulla sua strada implacabili Giglioli e Mariano che con un block deciso ci spingono alla vittoria 23-24, ancora Mariano qualche secondo dopo per il 23-25 che assegna il set alla compagine volsca e porta sull’1-1 la conta dei game. Non riesce a far toccare mai per prima la sfera a terra Sora ad inizio set e nulla cambia nella nuova frazione di gioco, è come in precedenza Vibo Valentia a dare inizio alle danze,  1-0 e ancora 2-1; 3-1; 4-1; un break spezzato ancora una volta dall’olandese Hoogendoorn, un  4-2 che innesca la miccia sulla bomba Globo, uno scatenato Emiliano Giglioli dai nove metri macina punti su punti, non si ferma la mano del centrale di Savona,  da 5-5 presto il tabellone dello score segna  5-8, lo schiacciasassi volsco ha ormai gli ingranaggi oleati 7-10; 7-11 ci si ferma solo per lo stop obbligatorio (7-12 muro Sora) e si continua la lotta. Impossibile fermare la volata Globo,  13-18- 15-19; 16-21; 17-22 il pubblico grida “FINO ALLA FINE!!!” ed è accontentato, muro a tre avversario out, 19-24, palla out di Verissimo, 19-25, ed è festa nella panchina di Colucci. Necessario mantenere la concentrazione, troppo alta la posta in palio, mente libera da ogni pensiero, un solo obiettivo da raggiungere, la vittoria. E’ un errore a servizio che regala alla Globo il primo punto del quarto e ultimogame, 0-1 ben augurante che ben presto si trasforma in un positivo + 2,  1-3, non ci stanno a farsi battere così i giallorossi, un paio di buone azioni della Tonno Callipo e l’equilibrio è ritrovato 4-4, un errore sempre dai 9 metri dei padroni di casa (Vedovotto) e la corsa volsca riparte 4-5; 4-7; 5-10, si avvicinano pericolosamente i calabri 9-10; 10-11 un’invasione porta gli avversari sul’11-11 della parità e un ace del n. 16 Verissimo sancisce il sorpasso vibonese che manda tutti in panchina dai coach (11-12). Per un attimo sembra essere iniziata la risalita di Vibo 13-11; 14-12; 15-13 ma non può spezzarsi così il sogno sorano, colpo di reni dei nostri, qualche errore dall’altra parte del parquet del PalaValentia e la parità è agguantata 15-15; e si continua a stare addosso all’avversario  16-16; 17-17; 18-18;  sale la tensione in campo, battono all’unisono i cuori sugli spalti, 19-19; 20-20; 21-21; finale al cardiopalma ancora parità 22-22- 23-23; si lotta punto a punto, 24-23 firmato da Hoogendoorn e sembra fatta  è un’azione di Michalovic a spezzare l’incanto (25-24) si ritorna a soffrire sul 25-25 (invasione Vibo) e poco dopo sul 26-26, Verissimo riapre i giochi per Vibo 27-27 ma poi regala al Sora il 27- 28, un errore in battuta si Mariano ed è ancora parità 28-28, si sfiora l’infarto sull’errore al muro dei calabri, 28-29, impossibile non urlare sul 28-30, un magico Mattia Rosso di potenza spedisce la Globo BPF SORA in Superlega, è 1-3!!! e’ A1!

Sara Grossi

CONDIVIDI