Regione: Oggi l’incontro tra imprese e scuole per l’ottavo “Pmi Day Industriamoci”

Si è svolta oggi nelle aziende del Lazio associate a Unindustria, nell’ambito della Settimana della Cultura d’Impresa, l’ottava “Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese – Pmi Day Industriamoci”, l’importante appuntamento promosso dalla Piccola Industria per raccontare ai giovani il mondo della produzione e far conoscere l’impegno delle aziende a favore della crescita e dello sviluppo del territorio.

L’evento è stato coordinato da Carla Picozza, vicepresidente del Comitato Piccola Industria di Unindustria con delega al Pmi Day, che oggi ha accompagnato i ragazzi alla scoperta dell’azienda Optimares, a Sezze Scalo. La novità di questa edizione è la collaborazione con le Istituzioni.

A Roma, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha aperto le porte ad oltre 80 studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Federico Caffè” e “Iss Leondardo da Vinci”. Ha accompagnato i ragazzi in rappresentanza di Unindustria Stefano Buonamici, presidente vicario della Piccola Industria di Roma. Gli studenti hanno potuto vedere e testare direttamente i sistemi informatici e i laboratori chimici utilizzati per la lotta alla contraffazione, un tema molto sentito dalle imprese.

Infatti, i dati lo confermano: in Italia, il fatturato del falso è stimato in circa 7 miliardi di euro e il fenomeno colpisce proprio le eccellenze del Made in Italy, che sono quelle che hanno maggior bisogno di essere tutelate. Nel Lazio, le aziende associate a Unindustria, che hanno aderito all’iniziativa, hanno aperto le porte dei loro stabilimenti produttivi a oltre 700 studenti delle Scuole Medie Superiori e Istituti tecnici.

Queste le aziende e le scuole impegnate nella giornata: per Frosinone Saxa Gres Spa, Francesco Pisani & Figli Spa, l’Istituto “Guglielmo Marconi” di Anagni e il “Sandro Pertini” di Alatri; per Latina Sicamb, Icaplants, Self Garden, Mappi, Azienda Carpineti, Optimares e gli Istituti “Galileo Galilei – Sani”, “Galileo Galilei”, “Campus dei Licei “M. Ramadù”, “Teodosio Rossi”; per Rieti la Tubi Spa, Inalca con gli Istituti “Aldo Moro Passo Corese” e Liceo Artistico “A. Calcagnadoro” Rieti; per Viterbo la Mastrogregori Aldo SaS con l’Istituto Ite “Paolo Savi”.

“L’incontro di oggi con oltre 700 studenti, ha sottolineato la grande importanza del legame tra scuola e impresa – ha commentato Gerardo Iamunno, presidente del Comitato Piccola Industria di Unindustria a margine della visita alla Saxa Gres – La loro presenza nelle nostre aziende, ci conferma la necessità di trasferire ai giovani i valori della cultura imprenditoriale, tra i quali, quest’anno, abbiamo voluto sottolineare l’importanza della lotta alla contraffazione, il suo impatto e le sue conseguenze economiche e sociali. Sono convinto che dopo questa giornata i ragazzi inizieranno ad immaginare il loro futuro lavorativo, magari proprio all’interno di una delle piccole imprese che testimoniano l’eccellenza laziale”.
“Oltre alle aziende che si sono messe a disposizione per questa iniziativa, la Saxa Gres e la Francesco Pisani e Figli – ha aggiunto Miriam Diurni, presidente del Comitato Piccola Industria della Territoriale di Frosinone – vorrei ringraziare anche le scuole che hanno aderito, e più precisamente l’Istituto Marconi di Anagni e l’Istituto Pertini di Alatri. Il Pmi Day è un’ottima occasione per mettere in contatto e far dialogare i mondi dell’impresa e della scuola creando così un importante momento formativo per i ragazzi. Uno dei ruoli della nostra associazione, infatti, è proprio quello di creare forme di dialogo tra questi due mondi”.