Piglio. Il Cesanese Agape primeggia nel concorso romagnolo

Si è svolta la 14esima edizione del concorso enologico “A che punto siamo?” nella suggestiva Bagnacavallo a Ravenna, un evento che mira a confrontare il vino romagnolo  Burson con i vini più noti d’Italia. All’evento  hanno partecipato diversi produttori, giornalisti e moltissimi eno-appassionati; il Bursôn Etichetta Nera annata 2010, si è confrontato con 4 dei vini più noti d’Italia, tra questi il Cesanese del Piglio Docg “Agape” dell’azienda pigliese Petrucca -Vela, che si è posizionato tra i primi vini migliori della serata/evento. A decretare il miglior vino è stata una giuria che ha stilato la classifica a fine serata, decretando al primo posto assoluto l’Amarone della Valpolicella Docg , seguito dal Montepulciano d’Abruzzo Docg, al terzo posto il Bursôn, seguito dal Cesanese del Piglio Docg “Agape”.  Per il primo anno, inoltre, è stato anche conferito uno speciale riconoscimento al vino che ha ottenuto il punteggio più alto fra i giornalisti, riconoscimento ottenuto dal Cesanese del Piglio “Agape”. “E’ sempre un piacere –afferma il Sindaco di Piglio Mario Felli- sentir parlare del nostro vino cesanese l’unico vino rosso DOCG del Lazio, che ottiene un importante riconoscimento fuori dai confini regionali. Il plauso va logicamente ad un’azienda pigliese che ha fatto della produzione vinicola la sua missione personale, che con amore e capacità ed attenzione alla coltivazione riesce ad ottenere un risultato di grande eccellenza che da lustro al nostro territorio”.

CONDIVIDI