Frosinone: Archeologia medievale, successo per la conferenza organizzata dal Rotary Club

I soci del Rotary Club Frosinone hanno ospitato nei locali dell’hotel ristorante “Bassetto” la professoressa Francesca Romana Stasolla, docente di Archeologia Cristiana e Medievale all’Università “La Sapienza” di Roma, dove la cattedratica insegna anche Archeologia Medievale presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici. Inoltre, la professoressa Stasolla è presidente del corso di laurea in Beni Archeologici e coordinatore del curriculum di Archeologia e Antichità post-classiche della Scuola dottorale in Archeologia. È membro della giunta della Consulta Universitaria per le Archeologia post-classiche. Oltre all’insegnamento e alla ricerca scientifica, svolge anche un importante ruolo nell’attività di consulenza. L’insigne docente ha intrattenuto i presenti con una conferenza dal titolo “Vescovi, signori, contadini: gente e paesaggi del Lazio meridionale nel Medioevo”.

“Torno a Frosinone – ha affermato la ricercatrice – sempre con grande piacere. Parte da qui la mia formazione ed è qui che ho deciso di diventare archeologa. Nei miei progetti di ricerca e in quelli del mio Ateneo il Lazio ha un ruolo predominante, in particolare il Lazio meridionale. Un lavoro di ricerca, però, ha un senso se viene accompagnato da un’attività di comunicazione e divulgazione e quindi al ritorno sul territorio. La costruzione del paesaggio che caratterizza attualmente il Lazio meridionale ha origini lontane, ma si cristallizza nel corso del Medioevo a causa di fattori diversi e ad opera di differenti attori: autorità vescovili, aristocrazie laiche, ma anche fasce di popolazione di più basso livello, impegnate in un’ascesa sociale dagli interessanti risvolti architettonici. Il recupero delle Acropoli, la creazione dei castelli, i sistemi di visibilità territoriale, le modalità di sfruttamento agrario hanno determinato caratteristiche peculiari che hanno reso la Campagna (come veniva chiamato il Lazio meridionale interno) un territorio specifico, appunto la Ciociaria”.

“È stato un onore – ha concluso il presidente del Rotary Club Massimo Uccioli – ospitare la professoressa Francesca Romana Stasolla. La sua conferenza ha suscitato in tutti i presenti un notevole interesse. Come sempre, il Rotary fa la differenza”.