Vertenza frusinate, Ciacciarelli (FI) sollecita il pagamento della mobilità per 200 lavoratori

“Gli ex lavoratori della Vertenza Frusinate sono la personificazione del nostro capitale umano, manodopera altamente qualificata che ha contribuito in maniera diretta alla crescita economica del territorio. Ebbene, lo stato di incertezza e di sconforto in cui versano i 200 lavoratori che attendono l’assegno di proroga della mobilità è sconcertante”.

Inizia così l’intervento del coordinatore provinciale di Forza Italia, Pasquale Ciacciarelli,  che scende in campo per sollecitare il pagamento di tutti i lavoratori della Vertenza frusinate, nessuno escluso.

“Se 500 lavoratori della Vertenza hanno ottenuto il pagamento con le indennità che spettavano loro, ora resta da capire dove siano i mandati per gli altri 200 – incalza Ciacciarelli – Si tratta di padri di famiglia che oggi stentano, o meglio sono impossibilitati, a sostenere le spese per i propri figli, le scadenze ordinarie proprie di un nucleo familiare. Mi appello pertanto al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla Regione Lazio e all’Inps affinchè si attivino con celerità per dare risposte concrete a cittadini che reclamano quanto gli spetta”.

A questo punto, l’esponente di Forza Italia punta l’indice contro “la lentezza dell’apparato burocratico, una sorta di lassismo che paralizza i territori e che, nel caso in oggetto, finisce per penalizzare ulteriormente chi ha perduto l’occupazione. Simili episodi allontanano ulteriormente i cittadini dalle istituzioni e tutto questo è intollerabile. Sembra di trovarci di fronte ad enti avulsi da una dimensione spazio temporale. Ritengo, invece, che immergersi letteralmente nel territorio, vivendone e studiandone le criticità, sia un requisito indispensabile per amministrare con responsabilità e prontezza, dando risposte concrete ai cittadini. Il nostro territorio – conclude Ciacciarelli – vive una grave crisi occupazionale che investe indistintamente giovani e cinquantenni: ritengo che i cinquantenni, come nel caso di Vertenza Frusinate, debbano avere la stessa attenzione che si riserva ai giovani, poichè vivono quello che può essere definito un dramma nel dramma, troppo giovani per il pensionamento, troppo anziani per trovare agevolmente una nuova occupazione. E’ necessaria, in questo momento, una efficace sinergia tra enti per dare una pronta risposta ai 200 lavoratori”.