Alatri: Rifinanziato dal Comune il servizio “Home Care Premium”

Presentato nella sala della Biblioteca comunale di Alatri il rifinanziamento del servizio “Home Care Premium” (Hcp). Erano presenti il vicesindaco e assessore ai Servizi sociali Fabio Di Fabio, la responsabile dei Servizi sociali comunali e distrettuali Daniela Faraone, la referente progettuale dell’Ufficio di piano Roberta Ciocci e la presidente della cooperativa sociale “Leonardo” Karin Sorgi.

Il progetto Hcp è rivolto a 70 beneficiari in condizione di disabilità e non autosufficienza residenti nel Comune di Alatri. E’ un servizio innovativo e sperimentale che quest’anno è stato affidato con Bando di gara alla “Leonardo”, cooperativa che ha un’esperienza pluriennale nella gestione e nel coordinamento tecnico di servizi e progetti locali, regionali, nazionali e internazionali rivolti all’inclusione sociale, alla prevenzione e al contrasto del disagio e dell’emarginazione.

In conformità con l’accordo siglato tra Inps e Ambito distrettuale sociale del Comune di Alatri, l’Hcp pianifica, realizza, controlla gli interventi a sostegno della disabilità e non autosufficienza a favore dei dipendenti e pensionati pubblici e dei loro familiari. Il fondo destina risorse nel sostegno domiciliare per consentire un supporto qualificato al “caregiver” e migliorare la qualità della vita del beneficiario. Ogni azione progettuale è programmata, organizzata ed eseguita sotto il controllo dei “case manager”, a cui spetta la gestione delle domande e la successiva presa in carico (Progettazione individualizzata). Il servizio ha la funzione di sostegno, informazione, orientamento, accompagnamento, prevenzione e soluzione del fabbisogno sociale-assistenziale dei beneficiari.

Il progetto prevede l’erogazione di un contributo mensile alla famiglia per la “remunerazione” dei “caregiver” familiari e degli assistenti familiari (badanti) regolarmente assunti, prestazioni accessorie alle cure domestiche quotidiane con interventi professionali qualificati. Verranno assistiti 70 beneficiari, mentre le somme sono garantite dal Fondo credito e Welfare istituito presso l’Inps. Le domande per usufruire del progetto sono ancora aperte, basta quindi presentare la richiesta e attendere che vi siano i presupposti per il buon esito.