Tirocini e proroga della mobilità: Cgil, Cisl e Uil sollecitano di nuovo la Regione

Cgil, Cisl e Uil sollecitano nuovamente la Regione Lazio sul problema dei tirocini e della proroga della mobilità in deroga. Infatti, fra pochi giorni centinaia di lavoratori della provincia di Frosinone che sono ancora in mobilità vedranno scadere la loro indennità e il fatto più grave è che i tirocini non sono concretamente fattibili. Intanto, l’azione dei sindacati si sta profondendo quotidianamente nella difesa del lavoro e nel contrastare le ricadute della crisi sulle persone e sulle famiglie.

” Abbiamo contato – commentano Anselmo Briganti, Enrico Coppotelli e Anita Tarquini di Cgil, Cisl e Uil – i molti posti di lavoro perduti e visto il nostro territorio in difficoltà nel rimettere al centro la questione del lavoro come elemento prioritario intorno al quale ricostruire crescita, fiducia e futuro. Da due mesi – incalzano i tre sindacalisti – stiamo aspettando che la Regione convochi il Career Day, concordato presso la sede di Frosinone, per incontrare le imprese e attivare i tirocini con i disoccupati. Ma non basta. Sul fronte dei lavori di pubblica utilità i Comuni latitano. Infatti, ci chiediamo perché i sindaci non iniziano a battere i pugni per velocizzare i tirocini per gli over 60. Dove è finito il dialogo tra Istituzioni? Non ci stiamo, i disoccupati hanno bisogno di risposte certe. A fronte di ciò – concludono – chiediamo alla Regione Lazio di attivarsi in tempi rapidissimi per velocizzare il pagamento delle mobilità e soprattutto per l’istituzione dei tirocini per i disoccupati”.