Cassino: Nuova rotta per il Cosilam, Unindustria al fianco del consorzio

E’ una nuova rotta precisa quella presa dal Consorzio Cosilam, per la quale Unindustria auspica che possa proseguire nel lavoro finora intrapreso. I risultati raggiunti dal presidente Pietro Zola negli ultimi tre anni e dal Consiglio di Amministrazione stanno portando l’ente verso il risanamento. Tutto questo con un ammirevole spirito di servizio e senza alcuna remunerazione.

“Questa nuova rotta – sostiene il presidente di Unindustria Cassino, Davide Papa – è ben visibile sia dal punto di vista dei risultati del bilancio, sia dalle sfide delle nuove progettualità messe in campo. Fra queste sicuramente c’è l’esternalizzazione del servizio di depurazione, che ha consentito il raggiungimento di ottimi livelli di efficienza, fino al Piano Regolatore territoriale ora in attesa dell’approvazione definitiva della Regione Lazio; Tutto questo, insieme a un’altra serie di iniziative che stanno distinguendo in modo positivo il nuovo andamento del Consorzio. Va aggiunto, inoltre, che il presidente Zola non ha percepito alcuna remunerazione per il suo lavoro, cosa che mi auguro diventi una prassi. Per questi motivi, l’auspicio è che il lavoro finora svolto possa proseguire e comunque la linea tracciata dal presidente Zola, per il quale ovviamente si auspica una riconferma, venga rigorosamente seguita, continuando quel processo di risanamento dell’ente iniziato tre anni fa. Alla luce di tutto ciò, sarebbe un gesto di rispetto e riconoscenza avviare le consultazioni dallo stesso Zola, chiedendogli se sia disponibile ad un nuovo mandato”.

Unindustria, inoltre, sottolinea l’importanza di un ente come il Cosilam,  strategico per lo sviluppo del territorio, sia per facilitare la crescita delle attività esistenti e sostenerle, sia per attrarre nuove iniziative imprenditorial, attraverso la gamma di servizi e infrastrutture messi a disposizione delle imprese.

“Proprio per queste ragioni – conclude Papa – Unindustria sarà particolarmente vigile sulla prosecuzione dell’attività e la gestione del Consorzio anche nei prossimi anni”