Veroli: Stati Generali del Turismo, le proposte di Ciacciarelli per un “Brand Lazio”

Stati Generali del Turismo a Veroli, il presidente della Quinta Commissione regionale Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo, il consigliere di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli, lancia le sue proposte che mettono la Ciociaria al centro delle politiche regionali di settore. e l’idea di un “Brand Lazio”.

“L’obiettivo del tour che ci ha portato oggi nella magnifica cornice di Veroli – spiega Ciacciarelli – è un percorso condiviso in tutti i territori del Lazio, attraverso incontri partecipati nelle cinque province della regione per condividere e costruire, insieme a operatori ed esperti di settore, il Piano triennale del Turismo 2018-2020. Il comparto turistico laziale vanta oltre 40mila imprese, più di 100mila lavoratori, oltre 40 milioni di notti acquistate, con 15 milioni di visitatori che ogni anno transitano nella Regione senza dormire. Se pensiamo che oltre la metà dei turisti sceglie la propria destinazione on-line -prosegue il consigliere regionale di FI – è importante sapere che il Lazio è in assoluto la regione italiana più citata su Twitter e una delle destinazioni turistiche più internazionalizzate d’Italia, con il 65% di ospiti stranieri. Se contiamo anche gli italiani parliamo di 54 milioni di presenze l’anno, a cui corrisponde un volume di consumi pari a 5,6 miliardi di euro secondo i dati Unioncamere 2016. E’ chiaro che Roma, in tale contesto sia centrale nel quadro delle politiche turistiche del Lazio, in quanto Capitale considerando la rilevanza dei siti archeologici, storici e monumentali che ospita. Premesso questo, dobbiamo però pensare a un Sistema turistico-culturale Lazio che parta da Roma, ramificandosi nelle province, un sistema ben strutturato. Pertanto, è fondamentale creare un marchio che non riguardi soltanto Roma Capitale, ma tutto il Lazio e ogni suo territorio, attraverso un’opera di valorizzazione e promozione del patrimonio storico, paesaggistico, della cultura eno-gastronomica locale, al fine di intercettare nuovi flussi turistici”.

Ciacciarelli conclude: “Le province del Lazio hanno molto da offrire in termini di patrimonio storico, archeologico, naturale. L’ultima tappa degli Stati Generali vede protagonista con Veroli la provincia di Frosinone, che rappresento in Consiglio Regionale. Un territorio che ha molto da offrire sotto il profilo storico, archeologico, naturalistico, eno-gastronomico. Si pensi ai cammini storici come il Cammino di San Benedetto, la Via Francigena, dove il turismo di matrice religiosa si collega alla storia: dall’Abbazia di Casamari a quella di Montecassino, al Duomo di Anagni, alle Terme di Fiuggi. Nei giorni scorsi, ho incontrato in Consiglio Regionale una delegazione della Ambasciata del Sudafrica e abbiamo gettato le basi di una collaborazione proficua per lo sviluppo economico, turistico, culturale. Pertanto, ho invitato la delegazione alla Provincia di Frosinone per promuovere la nostra realtà imprenditoriale, soprattutto delle piccole e medie imprese che rappresentano il nostro tessuto economico, senza dimenticare i nostri tesori storici, archeologici e culturali”.