Segneri e Trano (M5S): Addetti alle pulizie nelle scuole, avviato il bando di gara straordinario

“Dopo la sentenza pubblicata il 23 agosto scorso dal Tar di Latina., che ha dichiarato il difetto di giurisdizione in merito al contenzioso instaurato dalla ditta Ma.Ca. nei confronti del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, oltre che delle Istituzioni scolastiche coinvolte, si sta finalmente per sbloccare una situazione che perdura da troppi anni, anche a causa del totale disinteresse dei politici che ci hanno preceduto”.

Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati del Movimento 5 Stelle Enrica Segneri e Raffaele Trano, che intervengono sulla annosa questione delle pulizie nelle scuole in provincia di Frosinone e Latina.

“Servizi di pulizia non garantiti, lavoratori non tutelati e un appalto revocato per gravi inadempienze acclarate soltanto per il lotto 5 a cui fanno riferimento le province di Frosinone e Latina – proseguono i due parlamentari pentastellati – sono il risultato di scelte politiche sconsiderate e prive di qualsiasi attenzione verso le Istituzioni e verso la cittadinanza. Con estrema difficoltà, grazie all’impegno del Miur, dei dirigenti scolastici, dei Provveditorati, del Ministero del Lavoro, dell’Ispettorato del lavoro, delle sigle sindacali e soprattutto dei lavoratori che non hanno mai mollato, si sta ripristinando una situazione di normalità, con il riallineamento del lotto 5 alla scadenza naturale dell’appalto nazionale Consip, costituito da un totale 14 lotti, prevista per giugno 2019”.

Segneri e Trano spiegano: “Proprio per garantire l’ordinato espletamento dei servizi di pulizia e il mantenimento dei livelli occupazionali-reddituali della fascia di lavoratori interessati, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, il Miur ha avviato una nuova procedura di evidenza pubblica, ai sensi dell’articolo 63 del D.Lgs 50/2016, per l’affidamento dei servizi di pulizia nelle Istituzioni scolastiche del solo lotto 5 per l’anno scolastico 2018/2019. Secondo quanto è scritto in una nota diramata dalla Direzione Generale del Miur – proseguono i due deputati Cinque Stelle – i tempi tecnici per l’espletamento della procedura negoziata, alla luce della difficile situazione di urgenza venutasi a determinare nelle Scuole delle province di Latina e Frosinone, sono stimabili entro i 2 mesi. In questi 2 mesi le istituzioni scolastiche effettueranno affidamenti diretti medio tempore mediante il ricorso al Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (Mepa) e secondo il principio di rotazione dei fornitori. Grazie a tali affidamenti – concludono Enrica Segneri e Raffaele Trano – le Scuole potranno coprire l’erogazione dei servizi nel periodo compreso tra il 1 settembre e il 30 ottobre 2018, nelle more dell’attivazione del nuovo contratto quadro che il Miur stipulerà con l’azienda aggiudicataria. Tutto questo per assicurare la continuità dei servizi”.