Ferentino: In seicento alla Cena di Solidarietà organizzata dall’Avsi-Point di Frosinone

Oltre 600 i biglietti venduti per la ventesima Cena di Solidarietà, organizzata dall’Avsi-Point di Frosinone, che quest’anno si tenuta nei locali del ristorante “Villa Galassi” a Ferentino. Dunque, per il ventesimo anno consecutivo un gruppo di amici si è ritrovato a cena per aiutare con questo semplice gesto i bisognosi a migliorare la propria condizione di vita.

Ma nonostante la massiccia partecipazione registrata, i volontari dell’Avsi precisano che “l’importante è la coscienza con cui si partecipa, altrimenti sarebbe inutile anche la solidarietà se si ha la pretesa di cambiare il mondo, prima ancora di cambiare se stessi”.

Alla serata è intervenuto Giorgio Capitanio, che per 15 anni ha vissuto in Brasile dove ha diretto i progetti di cooperazione internazionale. L’illustre ospite ha raccontato la sua esperienza sottolineando l’importanza di gesti come la cena, organizzata dall’Avsi-Point di Frosinone. Per l’occasione è stato proiettato un video molto toccante che raccontava la storia di due padri, uno in Siria e uno a Milano.

Fra i presenti il senatore Gianfranco Rufa; i sindaci di Veroli Simone Cretaro, di Alatri Giuseppe Morini e di Frosinone Nicola Ottaviani tutti accompagnati da diversi assessori e consiglieri.

Sono stati ringraziati per essere intervenuti, il sociologo Salvatore Abbruzzese dell’Università di Trento; il presidente dell’Albo dei Consulenti del Lavoro Carlo Martufi e il poeta Franco Fiorini. Impossibilitati a partecipare hanno voluto inviare il loro saluto il Vescovo Ambrogio Spreafico e il presidente della Provincia Antonio Pompeo. Durante la serata, gli organizzatori hanno voluto ricordare don Luigi Di Massa, che li spronò a iniziare questo evento di solidarietà, ora giunto alla ventesima edizione.