Cassino: Il Consorzio “Valle del Liri” chiude positivamente il contenzioso con la Intercantieri

Il Consorzio di Bonifica “Valle del Liri” chiude finalmente uno dei contenziosi pendenti con la società Intercantieri grazie a un accordo transattivo raggiunto a condizioni di notevole vantaggio, uscendo di fatto dalla fase di commissariamento “ad acta” aperta in seguito alla sentenza del Tar Lazio (n° 1330 del 2/2/2018).

In sostanza, a fronte di 1.953.319 euro (oltre alle spese processuali e agli interessi legali) spettanti alla citata società, il Consorzio verserà complessivamente la somma di 800.000 euro, ottenendo uno sconto di circa il 60% sul dovuto. Un importo che oltretutto verrà distribuito su due tranche annuali sostenibili per la gestione consortile e già previste nel Bilancio 2019.

L’ente dii bonifica dunque torna a una gestione ordinaria e diretta delle proprie finanze, sanando uno dei debiti fuori Bilancio generati nel periodo 2000-2017, scoperti e denunciati presso le Procure competenti nel corso dell’azione commissariale. Debiti che vanno a comporre il pesante disavanzo patrimoniale di oltre 20 milioni di euro accertato nel Rendiconto dell’Esercizio 2017 dal Revisore unico dei Conti.

Il risanamento finanziario del Consorzio, avviato inevitabilmente con il ridimensionamento della spesa, pur mantenendo adeguati livelli di attività sul territorio e quindi con l’importante contributo di dipendenti e consorziati, continua a portare risultati positivi, in linea con il Bilancio di previsione 2019 approvato dalla Regione Lazio.

Proseguendo su tale strada, anche sostenuto delle azioni attivate dalla Regione, si potrà nel medio termine non solo scongiurare la liquidazione dell’ente, ma raggiungere le condizioni per l’effettiva fusione con gli altri Consorzi di bonifica del Frusinate, come prevede la legge regionale di riordino del settore (articolo 11 della L.r. n° 12/2016).