Ciacciarelli (FI) “interroga” Zingaretti sulla messa in sicurezza della via per il Santuario di Canneto

“Ho presentato un’interrogazione al presidente Zingaretti per conoscere quali provvedimenti la Regione Lazio adotterà riguardo l’indispensabile messa in sicurezza della via di collegamento tra il Comune di Settefrati e la Basilica pontificia di Canneto, in modo da consentire la riapertura al transito dei fedeli”.

Lo rende noto il presidente della Quinta Commissione regionale Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo, il consigliere di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli. Infatti, come si ricorderà, a causa dei nubifragi abbattutisi sul Lazio e in provincia di Frosinone nelle giornate del 29 e 30 ottobre scorsi, la via di collegamento da Settefrati al Santuario di Canneto è stata ostruita dalla caduta di numerosi faggi di alto fusto, presenti lungo il percorso.

Particolare pericolo hanno provocato, sul tratto Don Bosco-Canneto, sia i faggi caduti sia i massi riversati sulla sede stradale dalle radici sradicate degli alberi. Al punto che il sindaco di Settefrati, con un’apposita ordinanza, ha disposto la chiusura della strada per motivi di sicurezza, in attesa delle verifiche dei competenti organi regionali.

“Tale chiusura sta determinando, di fatto, il blocco di tutte le attività del Santuario – spiega Ciacciarelli – con i numerosi pellegrini che ogni giorno si recano in visita alla Basilica pontificia, impossibilitati a raggiungerla ormai da diverso tempo. Mi preme evidenziare – conclude il consigliere regionale forzista – che la pericolosità del percorso fino al Santuario, con il costante rischio della caduta di massi, è una situazione che conoscono da tempo tutte le Amministrazioni interessate. In proposito, nel corso degli anni le Autorità preposte sono intervenute con iniziative episodiche e contingenti, mentre servivano iniziative strutturali per la necessaria messa in sicurezza del tratto stradale, anche per evitare la caduta dei massi”.