Si fermano Radiologia a Ceprano e Cardiologia a Isola Liri, Quadrini denuncia la carenza di personale e contratti

Il servizio di Radiologia nella Casa della Salute a Ceprano è al palo. Mancano i contratti con i tecnici radiologi che dovrebbero occuparsi dell’attivazione dei macchinari. Mentre all’Hospice di Isola Liri è fermo il servizio di Cardiologia, dove un cittadino dopo 11 mesi di attesa si è visto rimandare indietro l’esame poiché lo specialista ha rassegnato le dimissioni e si è in attesa di nuova nomina. Occorrerà quindi attendere per riprogrammare l’agenda delle visite per riportare la situazione alla normalità. Problemi che stanno provocando disagi infiniti ai pazienti che si recano nelle due strutture per eseguire esami o visite.

“Ci sono pervenute dal personale medico e dai pazienti – spiega il consigliere provinciale e presidente della XV Comunità Montana di Arce Gianluca Quadrini – varie lamentele in merito alle carenze nell’erogazione di servizi primari sia nella struttura sanitaria di Isola Liri sia in quella di Ceprano che stanno causando non solo disagi per gli stessi pazienti e i loro familiari, ma anche un rischio elevato di arrivare troppo tardi in situazioni dove anche pochi minuti possono fare la differenza. Purtroppo, in provincia di Frosinone la scena si ripete quando parliamo di sanità e a rimetterci sono sempre i cittadini a causa di questo inconcludente modello organizzativo di sistema sanitario locale imposto dalla Azienda Asl frusinate e dalla Regione Lazio. La carenza di personale e contratti, il depotenziamento dei servizi testimoniano che i nodi della sanità ciociara sono rimasti irrisolti”.

Quadrini conclude riproponendo “un piano d’azione quanto mai indispensabile a causa dei continui tagli operati dall’attuale management che, in nome di una riorganizzazione maggiormente orientata alla sanità territoriale ma ancora tutta da costruire, ha ridotto servizi e prestazioni erogate anche nei presidi principali: Frosinone, Alatri, Cassino e Sora”.