Frosinone: Capoluogo privo del servizio di Radiologia territoriale, Magliocchetti lancia l’allarme

Il consigliere Danilo Magliocchetti

“La delibera 1523 del 28/11/2016 della Asl di Frosinone ha previsto il trasferimento delle apparecchiature e del servizio di Radiologia territoriale dalla sede di via A. Fabi, a quella del vecchio ospedale Umberto I in viale Mazzini. La delibera in questione ha programmato il trasferimento, lo smontaggio, rimontaggio e collaudo di 2 diagnostiche telecomandate, un mammografo e un Opt (radiografia per arcate dentarie) nel vecchio presidio ospedaliero. Oggi, a oltre due anni dal provvedimento, il servizio di Radiologia territoriale nel Capoluogo non sarebbe fruibile dai cittadini in quanto i macchinari trasferiti a viale Mazzini risultano ancora inutilizzabili e sarebbero ancora imballati”.

Lo rende noto il consigliere comunale e provinciale di Frosinone Danilo Magliocchetti, che interviene nuovamente sui problemi della sanità nel Capoluogo ciociaro.

“La riprova dell’indisponibilità del servizio – prosegue il consgliere – è la circostanza che i tecnici radiologi sarebbero stati trasferiti presso la Udi, Unità Degenza Infermieristica di Isola Liri. Quindi, se un cittadino di Frosinone ha bisogno di un esame radiologico urgente deve andare ad Alatri, a Ceccano oppure a Sora, o addirittura a Ceprano. La città però non può rimanere senza l’importante servizio territoriale, perchè risulterebbe un ulteriore impoverimento dell’offerta sanitaria che invece il personale medico-infermieristico di Frosinone prova ad assicurare ogni giorno all’utenza, con grande professionalità e sacrificio. La Asl di Frosinone – conclude Magliocchetti – dovrebbe chiarire questa circostanza. Ovvero, se i macchinari della radiologia sono effettivamente inutilizzati e ancora imballati presso il vecchio ospedale e quando la Radiologia territoriale verrà ripristinata a Frosinone”.