Frosinone: Le visite guidate nel Museo storico del Carnevale scaldano i motori della grande festa

A Frosinone, dopo il successo ottenuto dalle visite guidate nel Museo storico del Carnevale con gli alunni e i docenti dei quattro Istituti Comprensivi, oltre ai numerosi iscritti di tutti i Centri Anziani della città, prosegue il programma della settimana di festeggiamenti, fortemente voluta dall’Amministrazione Ottaviani, nell’ambito del Carnevale frusinate. La manifestazione, patrocinata dal Comune, è stata organizzata dall’associazione culturale “Rione Giardino” con la Pro Loco frusinate, le associazioni “Il Corso” e “Limited Edition”.

Domani, 2 marzo, alle 9, il Museo storico del Carnevale si aprirà ancora una volta alle visite guidate delle scolaresche (Istituti “Angeloni” e “Bragaglia”); mentre alle 21 la Villa comunale ospiterà l’ormai tradizionale veglione mascherato di beneficenza (pro Uici), il “Gran ballo del Generale”, che prevede anche uno spazio dedicato all’animazione per i bambini.

Domenica, alle 15,30 nella Casa della Cultura, si terrà la sfilata delle mascherine con esibizioni di clown e giocoleria. Lo stesso giorno, nell’ambito dei provvedimenti per l’anno 2018/2019 volti al risanamento della qualità dell’aria, è fissata l’ultima domenica ecologica dalle ore 8 alle 18. Tuttavia, la Casa della Cultura sarà facilmente raggiungibile dalla zona di Maniano (via Maria-via Caio Mario- fino Via Ferrarelli incrocio via Buttarazzi).

Lunedì 4 marzo, alle 15, spazio al Carnevale in famiglia itinerante, con il Generale Championnet che incontrerà le Case famiglia della città. Per martedì 5 marzo, invece, il sindaco Nicola Ottaviani ha disposto la chiusura anticipata delle Scuole del Capoluogo, alle 11,30, per le manifestazioni legate al Carnevale 2019. Sempre martedì, alle 10, nella Casa della Cultura si terrà l’attesa festa mascherata del matinée di Carnevale, a cura della “Limited Edition”, che farà ballare e divertire i più giovani al ritmo delle musiche più amate in discoteca. Alle 13, i carri allegorici partiranno dal quartiere Cavoni, per ricongiungersi, nella parte alta della città con il Corteo storico, alla testa della sfilata. Alle 14,30, nel centro storico, verrà dato il via alla Festa della Radeca; mentre in piazza Garibaldi si svolgerà la seconda edizione della “Radecata delle criature”. La parte storica e la parte allegorica, una volta riunitesi, seguiranno il tradizionale percorso fino al Rione Giardino, davanti alla chiesa di Santa Elisabetta, dove verrà la lettura del testamento da parte del Notaro e in cui il Generale andrà incontro alla sua sorte.

Intanto l’Amministrazione comunale, per assicurare un sereno svolgimento dei festeggiamenti, ha emanato l’ordinanza che vieta l’utilizzo di sostanze volte a deturpare beni pubblici o privati o a causare danni ai cittadini nei giorni in cui sono programmati gli eventi carnascialeschi. In coincidenza di tale periodo, infatti, è ricorrente l’uso da parte di molti giovani delle bombolette spray schiumogene, di spray al peperoncino e di materiale che imbratta in modo permanente, nonché di altri articoli quali fialette maleodoranti, polverine pruriginose, contenitori che spruzzano acqua o altri tipi di liquidi, lancio di uova, fiaccole di ogni genere, manganelli e simili.

Questo materiale, per il modo spesso molto sconsiderato e vessatorio con cui viene adoperato, provoca danni diretti alla salute dei cittadini, alla loro integrità fisica e all’ambiente circostante, dando spesso origine a reazioni, diverbi e comportamenti rissosi che per niente si adattano al clima festoso del Carnevale, rischiando anzi di incidere negativamente sull’ordine e la sicurezza pubblica, nonché sul decoro urbano. Nella giornata di martedì grasso, 5 marzo, verrà istituito su tutto il territorio comunale il divieto di usare bombolette spray contenenti materiale schiumogeno, spray al peperoncino, colorante-imbrattante e altri articoli fastidiosi o molesti in uso nel periodo carnascialesco, Gli oggetti utilizzati in violazione dell’ordinanza verranno sequestrati e quindi confiscati. Il Comando di Polizia Locale e le altre Forze dell’ordine sono incaricati di far rispettare le prescrizioni dell’ordinanza.