Frosinone, il comitato per il NO al referendum costituzionale

Nasce a Frosinone il Comitato Cittadino Del No alla riforma della Costituzione. Comitato composto da Sinistra Italiana – Partito Comunista Italiano – Possibile – Partito di Rifondazione Comunista che invita i cittadini a condividere le ragioni del NO nei mesi che anticiperanno la data del Referendum Nazionale sulla riforma della costituzione a sostegno del Referendum Costituzionale Comitato per il No del Coordinamento Democrazia Costituzionale. “La riforma attuale – spiegano i promotori – è stata approvata con il 55%, una maggioranza dichiarata illegittima dalla Corte costituzionale. La nostra Costituzione fu approvata con quasi il 90% dei voti. Inoltre la riforma, impedendo l’elezione dei senatori, contraddice l’art. 1 della Costituzione, secondo cui “la sovranità appartiene al popolo”. La riforma Renzi accentra i poteri nello Stato e riduce il potere legislativo delle Regioni in materia di governo del territorio, istruzione, salute, politiche sociali, sicurezza alimentare, attività culturali e turismo, senza semplificare l’azione legislativa, senza abbattere i costi della politica. La riforma si combina dannosamente con la legge maggioritaria Italicum: la maggioranza di 340 seggi sarà di una sola lista: una maggioranza sproporzionata rispetto all’effettivo consenso elettorale ricevuto, di fatto obbligata, se vuole durare fino alla fine della legislatura (come sta accadendo alla maggioranza attuale), a dare la fiducia a chi in realtà è il suo padrone: il governo e il suo capo. Il Comitato assieme al Refendum Costituzionale Comitato per il No ritiene che non si può confondere il piano della Costituzione con quello della politica di governo e trasformare il referendum in un plebiscito a suo favore o contro.La riforma riduce la Costituzione ad una legge tra le tante. Essa è invece la carta fondativa del nostro Stato e della nostra Storia.Difendiamola e votiamo NO al referendum di ottobre. Vi aspettiamo per un primo incontro il 30 Luglio in via Aldo Moro a Frosinone”.

CONDIVIDI