Frosinone: Visita di monsignor Spreafico nello stabilimento Abb, il Vescovo ha incontrato i dipendenti

Si è svolta ieri la visita istituzionale del vescovo diocesano, monsignor Ambrogio Spreafico, nello stabilimento Abb di Frosinone, durante la quale il presule ha rivolto ai dipendenti un sentito ringraziamento per l’impegno profuso nelle attività di volontariato a sostegno dei più bisognosi.

Una visita del tutto particolare per il Vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino, che nel pomeriggio è stato ricevuto nella sede Abb, centro di eccellenza per la produzione di interruttori di bassa tensione scatolati e aperti, la più importante fabbrica a livello globale della “Business Unit Protection and Connection”, divisione “Electrification Products” del Gruppo Abb.

Monsignor Spreafico ha visitato i reparti di produzione insieme al Production & Process Engineering Manager Giorgio Parente e al Product Engineering Manager Diego Mattia. Qui ha potuto conoscere le tecnologie, i sistemi e i prodotti realizzati dall’unità, osservando i processi produttivi caratterizzati da importanti innovazioni tecnologiche, come l’impiego di robot collaborativi capaci di interagire con il personale, o l’avanzato sistema logistico che consente di consegnare prodotti in tutta Italia e in oltre 100 Paesi del mondo in tempi brevissimi, soddisfacendo le richieste del mercato in maniera tempestiva.

In seguito, il Vescovo ha incontrato gli impiegati esprimendo sentimenti di profonda gratitudine e di sincero affetto verso l’intera comunità della Abb che da anni, fra le molteplici attività di volontariato a sostegno di associazioni quali “Special Olympics”, Banco Alimentare, “Junior Achievement”, offre sostegno all’iniziativa “Adotta un regalo e fai felice un bambino”, raccolta solidale di doni destinati ai giovani ospiti delle case famiglia presenti sul territorio diocesano.

“Gratuità e condivisione sono i valori d’identità del vostro operato. Vi ringrazio per ciò che fate ogni anno con passione nel segno della solidarietà e della fratellanza – ha dichiarato monsignor Spreafico nel suo  saluto agli oltre 500 dipendenti presenti – La logica del dono e dell’ascolto crea i veri legami sociali, beni relazionali e capitale sociale ai quali i social network non potranno mai condurre. L’esito del dono è il vero cambiamento sociale e voi ne siete la testimonianza”.

“Siamo stati felici che il Vescovo abbia desiderato incontrare il nostro personale, autentico punto di forza della nostra realtà, e visitare lo stabilimento, sede storica del Gruppo ed eccellenza del territorio – ha sottolineato Andrea Menti, Hub Business Unit Manager Protection and Connection della divisione Electrification Products. E’ comune l’apprezzamento per le persone che si impegnano e si mettono in gioco a favore dei bisognosi. Un filo conduttore è emerso da questo incontro: l’importanza della rete di ambasciatori che, sinergicamente, sostengono le iniziative benefiche in favore dei più vulnerabili così come è importante il legame con il territorio vissuto con forte senso di responsabilità, oltre i confini aziendali”.