Maltempo a Cassino e Pontecorvo, il Consorzio “Valle del Liri” fronteggia le emergenze dei corsi d’acqua

Anche in occasione dell’ondata di maltempo del 19 e 20 novembre scorsi gli interventi di manutenzione ordinaria dei corsi d’acqua eseguiti dal Consorzio di Bonifica Valle del Liri hanno consentito il regolare deflusso delle acque piovane lungo tutti i canali della rete scolante secondaria.

Tuttavia, l’eccezionalità delle precipitazioni ha causato disagi e allagamenti in diversi Comuni del comprensorio con situazioni particolarmente critiche a Pontecorvo, località Melfi di Sotto e a Cassino, nelle località San Pasquale e Sant’Angelo in Theodice.

Nel caso di Pontecorvo, il Consorzio aveva effettuato già a ottobre, come da piano programmatico operativo delle attività di bonifica, interventi di pulizia del canale che scorre nella contrada interessata dagli allagamenti, che purtroppo hanno danneggiato i seminterrati delle case di un villaggio residenziale. Tali allagamenti, alla luce dei sopralluoghi effettuati, si sono verificati principalmente perché sul canale insistono ponticelli di attraversamento carrabile realizzati non a regola d’arte. In particolare, la loro sezione idraulica non è sufficiente ad assicurare il normale deflusso delle acque. Ma anche per la massiccia presenza di stralci di siepi e alberi potati che hanno concorso, in modo significativo, a ostruire il passaggio degli eccezionali volumi di acqua piovana riversatesi su Melfi di Sotto nella notte tra il 19 e il 20 novembre.

Per risolvere nell’immediato l’emergenza, anche su richiesta del sindaco e dei residenti della zona, il Consorzio è intervenuto tempestivamente con mezzi e personale, a presidio costante del territorio e delle popolazioni dal maltempo anche eccezionale, in un’ottica di collaborazione inter-istituzionale e indipendentemente dalle responsabilità eventualmente da accertare.

In merito agli allagamenti nelle periferie di Sant’Angelo in Theodice e San Pasquale la causa è da ricondursi all’ingrossamento del fiume Rapido-Gari, che non ha permesso alle reti idrografiche minori gestite dal Consorzio di smaltire regolarmente il flusso.

Altri allagamenti, sebbene di portata residuale e dovuti a ostruzioni di ponti su strade comunali, si sono registrati in Valle di Comino, in particolare ad Atina e Villa Latina. Per queste criticità sono stati programmati interventi a breve termine, mirati al ripristino delle sezioni idrauliche mediante espurgo meccanico.

Casi di rottura degli argini e fragilità degli alvei hanno interessato Rio di Villa Latina ad Atina, Rio Secco a Sant’Elia Fiumerapido, Fosso Vernile a Villa Santa Lucia, in relazione ai quali sono oggetto di definizione importanti interventi di sistemazione idraulica che tuttavia necessitano di studi tecnici preventivi accurati e approfonditi. La rete idrografica del vasto comprensorio consortile resta comunque sotto il monitoraggio costante delle squadre operative del Consorzio.