Paliano: Finanziamento regionale per il Centro Anziani, il Comune programma nuove attività

Il Comune di Paliano rispondendo all’avviso pubblico della Regione “Progetto Te – Lazio per la Terza età”, ha ottenuto un finanziamento di 6.036 euro da destinare al Centro sociale anziani, grazie a un progetto ricco di iniziative, che spaziano dall’educazione alimentare all’educazione al movimento, dalla riabilitazione cognitiva all’apprendimento delle tecnologie informatiche, fino allo scambio intergenerazionale. Il tutto attraverso laboratori di cucina, informatica, psicomotricità.

“Questo finanziamento – ha dichiarato il sindaco Domenico Alfieri – ci permette ulteriori investimenti nel Centro sociale anziani verso il quale, da sempre, l’Amministrazione comunale ha un’occhio di riguardo perché convinta che si tratta di un luogo fondamentale per la socializzazione e l’aggregazione delle persone non più giovani. Per molti è esattamente un modo per evitare l’isolamento proprio di molti anziani, per tanti altri può diventare uno spazio dove coltivare nuovi interessi. Il nostro impegno è mosso comunque dalla convinzione che gli anziani sono i custodi della storia della nostra comunità e spesso sono il pilastro su cui si reggono le famiglie di oggi per il loro ruolo di nonni-assistenti”.

L’assessore alle Politiche sociali Eleonora Campoli ha aggiunto: “I 998 iscritti al Centro Anziani palianese sono una realtà socioculturale viva e attiva, un punto di riferimento per l’intera comunità. I progetti che abbiamo ideato, in collaborazione con i Servizi sociali locali e distrettuali, hanno come obiettivo principale la socializzazione, lo scambio tra generazioni e la promozione di buone pratiche per un invecchiamento attivo, da creare attraverso la partecipazione degli anziani alle attività sportive, ludico-ricreative e culturali. Il laboratorio di cucina, l’ortoterapia, il laboratorio di musicoterapia, il laboratorio di psicomotricità, il cineforum, l’iniziativa Casa Sicura per informare gli iscritti sugli incidenti domestici, il laboratorio di informatica e l’attività Nonno mi insegna (cioè la riscoperta di antichi mestieri come l’intreccio del vimini, come si fa il vino, la falegnameria, l’intarsio) con il coinvolgimento degli alunni delle Elementari e Medie del paese sono iniziative ideate venendo incontro alle esigenze presentate dai soci stessi, ma anche proposte che abbiamo ritenuto molto valide e utili”.