Paliano: Il Comune celebra nel weekend i cento anni della Grande Guerra

Sono trascorsi 100 anni da quel novembre 1918, quando si concluse il più grande conflitto armato mai combattuto fino alla Seconda Guerra mondiale. La “Grande Guerra”, come è conosciuta la Prima Guerra mondiale, lo fu per estensione dei fronti e per numero degli Stati coinvolti. Mai prima di allora c’erano stati tanti soldati in trincea, tante armi in dotazioni agli eserciti, tante industrie impegnate a sostenere lo sforzo bellico.

Anche il Comune di Paliano intende rievocare e recuperare la memoria storica di quel drammatico periodo attraverso una iniziativa che sarà realizzata nel prossimo weekend.
Sabato 6 ottobre, dopo l’esibizione della Banda “Città di Paliano” in piazza Marcantonio Colonna e le “Note sparse sulla Grande Guerra” a cura del professor Antonio Moretti nella sala conferenze Credito Cooperativo, verrà presentato il libro “Paliano ai suoi eroi”, frutto del lavoro di Umberto Romani e Giuseppe Rubini che, con un’accurata ricerca storica, hanno redatto l’elenco completo dei palianesi caduti nel conflitto, oltre a  raccogliere una copiosa mole di documenti tra lettere private, fotografie, dispacci e comunicazioni.

Seguirà, nella mattinata di domenica, l’esibizione della Fanfara dei Bersaglieri “A. Stuffulani” di Valmontone durante la commemorazione a cui parteciperanno le autorità civili e militari. La cerimonia si concluderà con la deposizione delle corone d’alloro ai monumenti ai Caduti di piazza XVII Martiri e viale Umberto I.

“L’Amministrazione comunale – ha dichiarato il sindaco Domenico Alfieri – ha accolto con entusiasmo innanzitutto il grande lavoro dei signori Romani e Rubini che, con opera certosina, sono riusciti a onorare il sacrificio di tanti giovani palianesi. Inoltre, abbiamo sentito il dovere di unirci alle manifestazioni che in tutta Italia si stanno svolgendo per ricordare il centenario della Grande Guerra, soprattutto con lo scopo di far conoscere alle nuove generazioni e alla cittadinanza tutte le conseguenze che il conflitto ebbe sulle popolazioni per stimolare il loro spirito critico e la cultura della non-violenza per evitare il ripetersi di simili massacri. Ringrazio gli autori del libro, la banda musicale, il professor Moretti, la Pro Loco e la Bcc Credito Cooperativo per la fattiva collaborazione”.

“Celebrare la fine della Prima Guerra mondiale acquista per noi una valenza ulteriore perché grazie al libro che verrà presentato saremo in grado di condividere e diffondere tra le giovani generazioni – ha commentato il vicesindaco e assessore alla Cultura Valentina Adiutori – il significato del grande valore del sacrificio di tanti giovani palianesi, mantenendo vivo il loro insegnamento e la loro memoria.Le celebrazioni che sono in programma quindi ci aiuteranno a riflettere sui valori dell’identità e del senso di appartenenza alla Nazione, ma soprattutto sul tema della pace tra i popoli”.