Patrica: Vendita dell’Ilva, la Provincia scrive al Mise per essere parte attiva in rappresentanza del territorio

sdr

Il presidente dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone, Antonio Pompeo, inoltrerà una nota al Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere, in rappresentanza del territorio, di essere parte attiva nella vendita dello stabilimento Ilva di Patrica. L’iniziativa, infatti, punta a rendere di maggiore interesse il sito industriale e tutelare la forza lavoro.

E’ questo l’esito del tavolo che si è svolto oggi nella sala consiliare di Palazzo Iacobucci. Erano presenti, oltre a Pompeo, i senatori Gianfranco Rufa e Massimo Ruspandini, la deputata Enrica Segneri, Nazzareno Pilozzi in rappresentanza del gruppo regionale Pd, i sindaci di Patrica Lucio Fiordalisio e Supino Gianfranco Barletta. Sono intervenuti alla riunione anche il segretario della Cgil Anselmo Briganti, Fabio Bernardini per la Cisl e diversi lavoratori.

“La riunione di oggi – ha spiegato il presidente Pompeo – dimostra che le Istituzioni sono presenti e che soltanto attraverso un impegno condiviso tra il territorio e i suoi rappresentanti si possono ottenere importanti risultati. Sappiamo che la partita per il sito di Patrica è difficile, ma vogliamo giocarla al meglio. Nel corso della riunione, dai rappresentanti del Governo ci è stata data notizia che entro tre mesi verrà ufficializzato il bando di vendita. Per questo la Provincia, in rappresentanza del territorio, chiederà al Mise di poter condividere questo percorso in modo da inserire tutte le indicazioni che possano portare a una conclusione positiva della vertenza, utilizzando anche gli strumenti previsti dall’Accordo di programma. Ancora una volta la Provincia c’è su temi così importante quali lavoro e sviluppo e richiama tutti gli attori interessati dal problema a dare il massimo per venire incontro alle esigenze dei cittadini”.