Vico nel Lazio: Prima edizione del Presepe vivente, quasi 3.000 visitatori per un successo inatteso

Successo oltre ogni aspettativa per la prima edizione del Presepe vivente a Vico nel Lazio. La manifestazione, per motivi di maltempo, si è svolta nella sola giornata di domenica scorsa, giorno dell’Epifania.

Sono stati quasi 3.000 i visitatori che hanno letteralmente invaso il Castello cittadino fin dal primo pomeriggio in attesa dell’apertura del presepe, che dall’antica chiesa di Santa Maria ha attraversato i vicoli più caratteristici del paese. I visitatori hanno potuto così apprezzare la magnificenza del Palazzo del Governatore per attraversare le stradine del borgo, teatro naturale di diverse scene della sacra rappresentazione: l’Annunciazione, il regno di Erode, la negoziazione degli schiavi, la firma davanti a Cesare Augusto, la scena dei lebbrosi. Il percorso ha condotto i partecipanti anche a un momento di convivialità, con la degustazione di ciambelline al vino e bruschetta, per giungere all’accampamento della “Legio Alatrensis” in piazza del Cimintorio. Nell’ultimo tratto del cammino c’erano il fabbro e il pecoraio, mentre davanti alla chiesa di San Michele Arcangelo è stata rappresentata la scena più ricca del Presepe, il mercato. C’è stata anche la preparazione del formaggio e della ricotta, che i presenti hanno potuto gustare insieme al pane casereccio del forno di Gianfranco Rossi. C’erano infine i venditori di tessuti, il macellaio, la cantina del vino, i venditori di spezie, il mulino a pietra. Da qui i visitatori, accompagnati dal suono delle zampogne, sono giunti alla capanna della Natività.

Il presepe, organizzato dai cittadini e strutturato in circa 30 scene rappresentate da oltre 150 figuranti, molti dei quali abitanti di Vico e di Comuni vicini. Erano presenti, fra le autorità, il consigliere regionale Mauro Buschini insieme al sindaco Claudio Guerriero. Entrambi anno voluto elogiare gli organizzatori per il successo ottenuto e per l’impegno profuso nella bellissima realizzazione. Proprio gli organizzatori hanno tenuto a ringraziare la “Legio Alatrensis”, insieme alla signora Mirella di Trivigliano e Alessia di Torre Cajetani per il prezioso contributo nell’ideazione della scenografia.

“La sinergia e la cooperazione sono stati l’ingrediente principale di questa nuova avventura che Vico nel Lazio ha iniziato” hanno detto gli organizzatori che, visto il successo dell’edizione 2019, hanno dato appuntamento per il Presepe vivente all’anno prossimo, con allestimenti ancora più suggestivi. “Il Presepe è un’occasione importante anche per dare a tanti la possibilità di visitare i suggestivi vicoli e le piazze del Borgo, con le sue 25 torri merlate e la cinta muraria a forma di accampamento romano che ha fatto da scenografia naturale alla manifestazione”.

Il Presepe vivente di Vico nel Lazio è inserito nel programma delle manifestazioni natalizie del Comune, organizzato da un comitato spontaneo al quale va il plauso del sindaco Claudio Guerriero. Una iniziativa promossa dai commercianti e dalle aziende di “Una Rete per Vico” nell’ambito del progetto regionale “Le Strade del Commercio nel Lazio”.