Frosinone: Vicenda ex Forum, Magliocchetti loda l’Amministrazione Ottaviani

Il consigliere Danilo Magliocchetti

“La definizione della vicenda ex Forum, con la sanzione di 15,2 milioni di euro disposta dall’Amministrazione Ottaviani, si presta ad alcune considerazioni”.

Inizia così un articolato intervento del Capogruppo di  Forza Italia al Comune di Frosinone Danilo Magliocchetti. “Innanzitutto – prosegue l’esponente della maggioranza – si pone la parola fine, dopo ben 15 anni, a una vicenda particolarmente rilevante, nata nel 2002. Seconda circostanza, l’Amministrazione Ottaviani ha dimostrato coerenza e uniformità di comportamenti di fronte alla materia urbanistica, evitando di generare eventuali figli e figliastri rispetto ai grandi o piccoli abusi. A Frosinone, infatti, è accaduto in passato che mentre il piccolo abuso veniva giustamente sanzionato, sulle grandi difformità in termini di volumetrie realizzate c’era invece una sensibilità diversa. Oggi, invece, l’Amministrazione comunale sta dimostrando che la materia urbanistica, e tutto quello che ne consegue, deve necessariamente avere un’applicazione equa, coerente e uniforme nei confronti di tutti i cittadini, senza distinzioni”.

Magliocchetti conclude citando un ulteriore elemento della vicenda: “La quantificazione della sanzione – spiega – doveva essere determinata con un criterio oggettivo, come quello usato oggi,ovvero dato dalla differenza del valore dell’immobile realizzato in base al permesso a costruire in sanatoria del 2009 (peraltro stimato proprio dall’Agenzia delle entrate) e il valore delle aree detenute dal Comune di Frosinone. La materia della sanzione, quindi, non poteva essere transigibile. L’iscrizione in Bilancio della sanzione e pertanto del credito è stata, senza dubbio, una decisione corretta. L’effettiva destinazione delle risorse, certamente in progetti concreti di pubblica utilità, potrà però avvenire esclusivamente quando ci sarà concretezza dell’entrata e delle risorse, nelle casse comunali. Anche questo, credo, è un approccio di serietà amministrativa”.