Regione: Aggressioni dei cinghiali, il Movimento 5 Stelle accusa la Giunta Zingaretti

“Le aggressioni a persone da parte dei cinghiali a ridosso delle Riserve naturali del Lazio rappresentano la degenerazione di un problema ormai noto, come testimoniano i numerosi e periodici avvistamenti degli ungulati alle porte della Capitale, che la Regione non ha mai voluto affrontare e prevenire attraverso una gestione della fauna selvatica tale da consentire una corretta convivenza uomo-animale”.

Lo dichiarano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che attaccano la Giunta Zingaretti in quanto “avrebbe potuto affrontare la questione nell’ambito del Collegato al Bilancio, che sarà discusso in aula lunedì prossimo 10 settembre, invece ha escluso del tutto dal provvedimento la gestione e la prevenzione dei danni, limitandosi a inserire soltanto gli indennizzi per gli agricoltori che hanno visto i loro raccolti danneggiati”.

Lo afferma il consigliere pentastellato Valerio Novelli, presidente della Commissione regionale Agricoltura e Ambiente, che aggiunge: “Si tratta di un uso sconsiderato e inefficace dei fondi europei da parte della Regione perché, di fatto, si continuano a erogare soldi pubblici senza risolvere minimamente il problema. Chiediamo pertanto alla Giunta Zingaretti – conclude Novelli – di smetterla di andare avanti a suon di interventi tampone e attuare finalmente la Legge regionale 4/2015 sugli interventi di sele-controllo nelle aree critiche, per la cattura e il monitoraggio della fauna selvatica”.