Alatri. Forza Italia perde anche Antonello Iannarilli e Maria Teresa Graziani

“Una decisione sofferta, ma inevitabile”, così il dominus di Forza Italia, dal lontano 1994 nelle file azzurre, Antonello Iannarilli, ha formalizzato la sua decisione di lasciare il partito di Silvio Berlusconi, che lui stesso ha contribuito a fondare in provincia di Frosinone. Lo ha fatto nel corso del consiglio comunale di oggi ad Alatri. Non condivideva più, da tempo ormai, la linea provinciale del partito. Con lui va via anche una quota rosa di spicco all’interno del partito, Maria Teresa Graziani, con la quale Iannarilli aveva fatto un ticket nel corso delle ultime regionali. E ora? “Non cerco poltrone” ha dichiarato il vecchio dominus di Forza Italia. Per il momento, insieme alla Graziani ha dato vita al gruppo consiliare “Rialzati Alatri”, del quale è capogruppo, poi si vedrà. “Non escludo l’entrata in un altro partito, sempre all’interno dell’area di centrodestra”, ha confidato Iannarilli, il quale però, allo stesso tempo, ha rivendicato la sua posizione di imprenditore, di uomo realizzato, non alla ricerca di “poltrone”. Per il momento indossa una maglia civica, ma ben presto potrebbe indossarne un’altra, o quella “fiammante” di Fratelli d’Italia o quella “verde” del Carroccio. Una cosa è certa, nelle ultime elezioni Regionali, sebbene sia partito in ritardo, rispetto al competitor di area Abbruzzese- Ciacciarelli, ha collezionato ben 4.109 preferenze, che sommate alle 3.021 di sua cognata, la Graziani, diventano un bel bottino da mettere sul piatto. Il leone, ex azzurro, è ancora in pista. Sta solo scegliendo la destinazione…

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI