Alatri. Modificata parzialmente l’ordinanza sulla vendita di alcol nelle festività

A margine di un incontro tenutosi, presso la casa comunale, tra la ConfCommercio di Frosinone, rappresentata dal vice presidente Lazio sud, dottor Mancini, molti dei titolari dei pubblici esercizi del Centro Storico e l’Amministrazione Comunale, rappresentata dal Sindaco Morini, dal Consigliere delegato alle attività produttive, Maggi e il Comandante Padovani, nella quali si sono affrontati i molteplici e complessi aspetti relativi al normale svolgimento delle attività commerciali nel particolare periodo di festività a cui ci apprestiamo, le associazioni di categoria hanno formulato espressa richiesta in merito alle limitazioni stabilite con ordinanza n.8 del 12/4/2017, nella fattispecie quelle relative alla vendita e somministrazione di bevande alcoliche. Si legge nella nota della Confcommercio “in considerazione della notevole affluenza prevista ad Alatri sia per le festività Pasquali che per la festa Patronale di S. Sisto, affluenza che garantisce da sempre una notevole occasione di introiti per le imprese locali del commercio, della ristorazione e dei p.e. ( è stimato un 7% del totale del fatturati complessivo), una opportunità di lavoro importante, in un momento di congiuntura economica ancora critica, siamo a chiedere di posticipare l’orario di applicazione delle limitazioni di somministrazione da asporto di bevande alcoliche alle ore 00,30. Con l’occasione ribadiamo la nostra vicinanza all’Amministrazione Comunale e alle forze dell’ordine per il lavoro fatto in questi giorni…” Ritenendo condivisibili le motivazioni così espresse, onde evitare al massimo di arrecare disagio alle attività commerciali e a tutti i concittadini, già duramente colpiti dai recenti fatti di cronaca accaduti nella nostra città, il Sindaco, in una logica di concertazione sociale, ha deciso di modificare parzialmente la propria precedente ordinanza spostando l’orario di inizio del divieto di vendita e somministrazione di alcolici, alle ore 00,30, anziché le ore 23, come in precedenza indicato. Allo stesso modo e per le stesse motivazioni è stato stabilito di portare alle ore 22.00 l’orario di cessazione delle attività per gli ambulanti.

CONDIVIDI