Ciacciarelli (FI): “La sicurezza sul lavoro deve essere una costante nella vita professionale di ciascuno”

“La sicurezza sul lavoro deve rappresentare una costante nella vita professionale di ogni dipendente ma, nel contempo, non può diventare una ulteriore tassa a carico delle imprese, già asfissiate da una pressione fiscale che rappresenta un serio ostacolo alla crescita”.

Lo ha dichiarato il presidente della Quinta Commissione Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo della Regione Lazio, il consigliere di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli, durante il suo intervento ialla cerimonia inaugurale della Settimana Europea della Sicurezza sul Lavoro 2018, promossa dalla Asl di Frosinone presso il centro commerciale “Le Grange” di Piedimonte San Germano.

“I dati Inail rilevati lo scorso giugno – ha aggiunto Ciacciarelli – sono espliciti. Nel Lazio aumentano gli incidenti mortali sul lavoro. Le denunce di infortuni con esito mortale sono state 36 da gennaio a giugno 2017 e addirittura 40 nello stesso periodo del 2018. A Roma sono state 23 nel 2017, 32 nel 2018; a Frosinone si registra un calo, da 4 dello scorso anno a una nel 2018. Ma vorrei evidenziare il fatto che sono ben 553 le aggressioni verificatesi negli ultimi 5 anni nei confronti del personale sanitario nel Lazio. Un fenomeno che vede i Pronto soccorso come i luoghi più esposti, tra l’utenza e il personale sanitario che vi opera”.

Il consigliere regionale forzista ha concluso: “E’ un problema da non sottovalutare che va affrontato in maniera decisa e in tale direzione sarà importante il contributo dell’Osservatorio sulla Sicurezza degli operatori sanitari riunito alla Regione Lazio. Ma ritengo che in primo luogo sia necessario colmare il vuoto normativo circa la salute e la sicurezza dei lavoratori. Nel contempo, bisogna incrementare la vigilanza dotando tutte le strutture ospedaliere, dalla Capitale alle province, di un presidio fisso di polizia”.