Frosinone. Approvato il conto consuntivo

La giunta comunale di Frosinone, nell’ultima seduta settimanale, ha approvato il conto consuntivo 2018. Dal riassunto contabile, emerge come manchino all’appello circa 9 milioni di euro, le cui cause sono facilmente individuabili.

Il primo punto riguarda il piano di riequilibrio approvato nel 2013: il Comune di Frosinone, infatti, è costretto a recuperare ingenti risorse ereditate dal disequilibrio dei conti dell’anno 2012 (circa 5,5 Milioni di Euro di disavanzo e 7 Milioni di euro di debiti fuori bilancio ripartiti nell’arco temporale di 10 anni).

A ciò deve aggiungersi il valore del mancato gettito del passaggio dall’IMU abitazione principale alla TASI, che è stata eliminata dallo Stato nel 2014 (quando già il piano di riequilibrio del Comune era stato approvato con quelle entrate), comportando una compensazione esatta solo nel primo anno di circa 2,1 Milione di euro, mentre, a partire dall’anno 2015,  si è ridotta progressivamente per attestarsi, dall’anno 2017, al valore di circa 0,9 Milioni di euro con mancata entrata prevista nel piano di riequilibrio. Il valore di tali maggiori introiti che avrebbero dovuto essere trasferiti al Comune di Frosinone sono ad oggi pari a 4,5 Milioni di euro e, proiettati al termine del piano di riequilibrio, corrispondono a circa 7,8 Milioni di euro. In buona sostanza, mentre il comune di Frosinone ha rispettato in pieno gli obblighi assunti con lo Stato centrale al momento della redazione del piano di risanamento, ciò non è avvenuto per i vari Governi che si sono succeduti fino a oggi, che hanno ridotto la mole dei trasferimenti e tagliato drasticamente anche le capacità di generare introiti da parte degli enti locali. D’altro canto, il piano di risanamento ha imposto una forte contrazione della spesa corrente (-10% sulle prestazioni di beni e servizi e -25% sulla parte di trasferimenti a carico dell’ente). L’obbligo della riduzione della spesa disposta dal d.l.66/2014, del resto, ha comportato una correlata riduzione dei trasferimenti dello Stato (Fondo di solidarietà comunale), dimenticando che detta riduzione è stata già prevista per gli enti in riequilibrio, conducendo ad una riduzione ad oggi pari a circa 2,4 Milioni di euro che proiettati al 2022 (anno di chiusura del piano di riequilibrio) comportano una riduzione complessivamente pari a circa 3,5 Milioni di euro. La parte narrativa della deliberazione di Giunta comunale su tale questione contiene il seguente importante passaggio “va evidenziato come in via sostanziale, è come che se nella bilateralità degli impegni concordati tra amministrazione comunale e Stato, nella stesura ed attuazione del piano di riequilibrio finanziario, sia stato proprio lo Stato a venir meno in via unilaterale alle proprie obbligazioni, per un impegno quantificabile ad oggi in circa 6,9 Milioni di euro, con una possibile proiezione fino al 2022 (data di chiusura prevista del piano di riequilibrio) di complessivi 11,3 Milioni di euro di minori risorse del Comune che stanno comportando una riduzione delle spese correnti di gran lunga superiori a quelle concordate con il piano di riequilibrio finanziario”.

Precisati quindi il rispetto degli impegni da parte del Comune sul piano di riequilibrio, restano da esaminare le variazioni nel conto consuntivo 2018.

Una prima motivazione è data dalla variazione del Fondo crediti di dubbia esigibilità che nell’anno 2018 ha fatto registrare un incremento di circa 5,3 Milioni di euro di maggiori accantonamenti. Detta variazione è collegata al calcolo matematico previsto dai principi contabili che obbligano l’ente ad accantonare somme corrispondenti ai mancati incassi solo in conto residui (ossia di crediti pregressi vantati per i tributi comunali). La ragione di tali mancati incassi nell’anno 2018 risiede nei vari annunci di stralcio delle cartelle inferiori ai 1.000 euro, anticipati già a metà dell’anno 2018, e culminati con l’approvazione del decreto fiscale a fine anno (d.l.119/2018). Tale situazione di incertezza su quali crediti avrebbero potuto essere stralciati, ha comportato un minore versamento dei crediti pregressi da parte dei cittadini che hanno, di fatto, imposto un incremento consistente di tale Fondo dei crediti dubbi. Oltre ai 5,3 Milioni di euro si aggiungono 2 Milioni di euro di recupero del piano di riequilibrio del disavanzo ereditato nell’anno 2012.

In considerazione, pertanto, di tale situazione eccezionale, la Giunta ha previsto un ripiano nel periodo rimanente del piano di riequilibrio (fino al 2022), agendo da una parte, come già annunciato nel bilancio di previsione 2019-2021, attraverso una riduzione della spesa del personale quale aggregato della spesa corrente più significativo e, dall’altra parte, attraverso sia una riduzione degli accantonamenti al Fondo crediti di dubbia esigibilità nel periodo 2020-2021 essendosi ormai esauriti gli effetti del decreto fiscale, sia una ulteriore riduzione della spesa corrente.

“Il conto consuntivo 2018 approvato dalla giunta Ottaviani – ha dichiarato l’assessore al bilancio e alle finanze, Riccardo Mastrangeli – illustra chiaramente le difficoltà di manovra di un Ente, sottoposto a un oneroso piano di rientro dal debito, oltre che colpito dai sensibili tagli operati sulle casse da Regione e Governo centrale. Tuttavia, il nostro Comune sta continuando a tenere al centro della propria azione, la necessità di mantenere alto il livello qualitativo dei servizi erogati. Il nostro obiettivo, inoltre, continua ad essere quello di mettere in atto tutti gli accorgimenti normativi, che possano venire incontro alle esigenze dei cittadini, permettendo di procedere nel percorso di programmazione, di razionalizzazione e riduzione della spesa, mettendo così in sicurezza i conti pubblici”.

Cinzia Cerroni