Frosinone. Il Pd propone “Fontana Tonica” monumento naturale

Continua la campagna di ascolto del Circolo Pd di Frosinone per recuperare e consolidare il dialogo con la comunità frusinate, e ieri sera sono riprese le riunioni della segreteria itinerante per incontrare la cittadinanza, ripartendo dal quartiere Scalo. Un incontro partecipato, per iniziativa di Bruno Sanna e Umberto Messia, al quale ha presenziato la segreteria del Circolo del partito democratico frusinate con alcuni consiglieri comunali. Numerosi e approfonditi gli interventi dei cittadini partecipanti alla riunione, che hanno evidenziato i numerosi problemi del quartiere. Le mancanze dell’amministrazione comunale manifestate sono molte, dagli aspetti della mancanza di pulizia di varie aree del quartiere, alla mancanza di sicurezza che i residenti percepiscono soprattutto nelle ore serali, nonostante la presenza di un sistema di videosorveglianza non si sa quanto e se funzionante, alla mancata presenza di almeno un vigile urbano, alla inesistente manutenzione ordinaria del verde e degli alberi, alla mancanza di parcheggi. I commercianti hanno lamentato la mancanza dell’istituzione di un’isola pedonale, almeno nel week end, in un quartiere che conta più di 15.000 abitanti e che si sente abbandonato a dover subire gli effetti dell’inquinamento atmosferico da polveri sottili, vivendo nella carenza dell’arredo urbano e nell’incuria dei pochissimi spazi utilizzabili per la socializzazione. I consiglieri comunali presenti si faranno carico, a tal proposito, di dar seguito alla richiesta dei residenti del quartiere di bonificare il gazebo ridotto in pessime condizioni situato all’angolo che conduce alla piazza della stazione, che è divenuto ricettacolo di situazioni di degrado di ogni tipo.  Uno spaccato critico della vita nel quartiere Scalo di Frosinone, quello raccontato dai cittadini ieri sera, che hanno anche lamentato fortemente l’inesistenza di iniziative culturali organizzate dall’amministrazione comunale di Frosinone, così come l’assenza grave di spazi dedicati ai ragazzi per praticare sport. Tutto ciò, nell’ambito di considerazioni più ampie, riportate dai partecipanti all’incontro, e legate al contesto più globale, come la necessità di avere una vera stazione urbana, che possa ricucire il quartiere, oggi separato in tre parti dalla presenza della piazza realizzata davanti la chiesa, e la necessità di azioni politiche orientate a sollecitare la fruizione dell’alta velocità. Si è evidenziata l’importanza di ricucire la “tela dello stare insieme” , continuando ad organizzare iniziative di incontro come quella di ieri sera e si è condiviso con tutti i presenti la proposta  del  circolo di Frosinone per la quale i consiglieri del gruppo Pd e della lista Cristofari hanno presentato un emendamento alla delibera di istituzione dell’area dello Schioppo a “ Monumento naturale”, estendendola anche all’area di Fontana Tonica, al fine della valorizzazione queste  zone bagnate dal fiume Cosa, così da  avviare concretamente un percorso virtuoso di salvaguardia delle zone verdi e delle sponde del Cosa, rendendo le aree fruibili ai cittadini in sicurezza , rendendole vive e a disposizione della cittadinanza. Il percorso della segreteria itinerante continua, perché si è convinti che un dialogo continuo con i cittadini possa essere utile a portare alla luce i problemi, a non rassegnarsi alla passività, e a cercare e trovare insieme delle soluzioni concrete. Da attuare da subito.

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI