I CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA FANNO QUADRATO INTORNO A POMPEO, SPECIALMENTE QUELLI DI FI

Gli undici consiglieri provinciali di maggioranza hanno diramato oggi un comunicato stampa in cui si legge quanto segue:

“Riteniamo imbarazzante dover intervenire e discutere di gossip (che nella traduzione italiana significa pettegolezzo) invece dei gravissimi problemi dei cittadini del Frusinate, del Cassinate e del Sorano. Limiteremo dunque a questo intervento il nostro interesse teso non già a fornire risposte a questioni fumose e inconsistenti che riguardano il nostro Ente, purtroppo addivenute alla cronaca, ma per rivolgerci alla cittadinanza alla quale dobbiamo massimo rispetto e massima chiarezza.
Confermiamo il nostro pieno sostegno al Presidente Pompeo,  ponendo fine alla lunga e reiterata campagna che vorrebbe agitare inesistenti problemi interni alla maggioranza che lo sostiene, che, semmai, afferiscono alle dinamiche interne dei partiti, sgomberando il campo da illazioni e enigmatiche provocazioni,  in un periodo tanto delicato da imporre segnali di forte responsabilità.
Chiunque, e nelle more dell’attualità il sig. Adriano Roma, abbia denunce da rappresentare, lo faccia subito, provando quello che dice e si assuma ogni responsabilità delle sue dichiarazioni.
Infine, la nostra Istituzione, la Provincia di Frosinone,  che prima, pare, non dovesse interessare ad alcuno, oggi sembra essere diventata il bersaglio degli strali e delle vendette politiche e personali di qualcuno. Non raccogliamo provocazioni e ribadiamo il massimo impegno per risolvere le criticità che investono il nostro territorio, pur dinanzi alle note ed evidentissime difficoltà economiche alle quali l’Ente è costretto quotidianamente a fare fronte”.

I due consiglieri provinciali di Forza Italia, Gianluca Quadrini e Vittorio Di Carlo, firmatari insieme agli altri consiglieri di maggioranza della nota di cui sopra, hanno rinforzato la loro posizione inviando un altro comunicato a loro nome del seguente tenore:
“Apprendiamo dalla stampa di fibrillazioni che ci “dovrebbero essere” all’interno della Provincia tra Forza Italia ed il Presidente Pompeo. Restiamo basiti di fronte a voci incontrollate, che ignorano la reale situazione. Sorridiamo al solo pensare che ci possano condizionare certe prese di posizione personali, che mirano solamente ad ottenere visibilità. Noi manteniamo la barra dritta e continuiamo con il nostro lavoro, onorando il patto stretto nel 2014 che ha portato all’elezione del Presidente Pompeo. Siamo persone serie e concrete che rispettano i patti, così come lui li ha rispettati con noi. Gli incontri che facciamo costantemente con Pompeo sono incontri di natura tecnico-amministrativa, per affrontare e cercare di risolvere le tante problematiche della nostra Provincia. Per noi la politica è servizio per la comunità. Per noi la politica si fonda sulle strette di mano e non su scelte opportunistiche del momento. Se il partito non condivide le posizioni di due autorevoli esponenti provinciali ci convochi e ci spieghi i motivi di questa attenzione su certe elucubrazioni giornalistiche. Ma siamo sicuri che non è così”.

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week
CONDIVIDI