Biglietti Metrebus addio, Scalia: ‘Il servizio va mantenuto’

Con una lettera Trenitalia ha annunciato di voler abbandonare la convenzione che permette ai pendolari di utilizzare lo stesso biglietto per treni, bus e metro, il cosiddetto Metrebus, usato da molti pendolari della provincia di Frosinone. Per il senatore Francesco Scalia, il servizio va assolutamente mantenuto, perché agevola lo scambio ferro-gomma attraverso l’integrazione tra le due modalità di trasporto, va assolutamente scongiurato per evitare ulteriori scenari di difficoltà per i cittadini pendolari. Dal primo gennaio 2017 viene messo in discussione il rinnovo dell’accordo tra Regione Lazio, Atac e Ferrovie, in base al quale gli utenti pagano un solo biglietto per spostarsi su treno, metropolitana e autobus. Il rischio origina dalla presa di posizione di FS che non intende proseguire i rapporti con Atac in ragione dei tanti milioni di mancati pagamenti accumulatisi negli anni. La Regione Lazio sta lavorando per superare le criticità dell’attuale gestione del sistema Metrebus” ha fatto sapere in una nota l’assessore regionale del lazio alla Mobilità, Michele Civita. “L’obiettivo è di rinnovare e rendere trasparente la gestione dell’intero sistema, superando la situazione debitoria, purtroppo cronica, estendendo la bigliettazione elettronica a Roma e in tutta la regione” ha fatto sapere Civita. “Lo scopo delle numerose riunioni avvenute con le aziende interessate, l’ultima anche con l’amministrazione comunale di Roma, è quello di condividere le scelte future, perché l’integrazione tariffaria è indispensabile per incentivare e favorire l’uso del trasporto pubblico. Per questo è in corso un lavoro istruttorio tra Agenzia Roma per la Mobilità e Regione Lazio, per definire il nuovo progetto”. Civita promette: “La Regione Lazio entro dicembre si assumerà la responsabilità, come prevede la legge, di presentare un progetto, che auspichiamo sia il frutto del lavoro comune”. Confido che la Regione Lazio – dice Scalia – già fortemente impegnata per migliorare le condizioni del pendolarismo regionale con nuovi treni e nuovi bus, riesca a trovare la strada per una composizione positiva, superando le resistenze poste dall’Ad di Ferrovie dello Stato e consentendo ai cittadini di continuare a spostarsi per motivi di lavoro e di studio alle stesse condizioni economiche attuali.”

 

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI