Il Frosinone Calcio tra passato, presente e futuro.

Sono stati giorni molto intensi quelli appena trascorsi in casa Frosinone Calcio. Con una retrocessione da digerire e i primi rumors di mercato c’è l’urgente bisogno di programmare il futuro. Sono passati a malapena 10 giorni da quella ‘maledetta’ partita contro il Sassuolo ma gli avvenimenti sono già numerosi e tutti con la A maiuscola. Il primo su tutti è l’addio del tecnico Roberto Stellone che si porterà dietro parecchie persone che hanno composto lo staff tecnico del Frosinone in questi ultimi gloriosi anni. Stellone che dunque lascia una grande eredità al suo successore del quale ancora non sappiamo il nome a differenza di un presidente Stirpe che ha già detto di avere le idee chiare in merito e ce lo comunicherà non prima della metà di giugno (si aspetta forse la fine dei play off di serie B?). Se così fosse salirebbero di molto le quotazioni di Serse Cosmi attuale allenatore del Trapani che si è classificato terzo con la squadra siciliana nella stagione regolare e che dunque partirà come favorita per la corsa alla massima serie. Sembra tagliato fuori dalla corsa panchina, o almeno per il momento, l’attuale allenatore della primavera  Federico Coppitelli anche se il presidente ci ha tenuto a precisare che lo terrà in grande considerazione per un futuro nemmeno troppo lontano. Se il rebus panchina non sembra ancora risolto la stesso discorso vale per il nuovo stadio ed il calciomercato. Come detto anche in conferenza stampa sia dal Sindaco Ottaviani che dall’avvocato Ceci i tempi per il termine dei lavori sono ancora lunghi a causa di rallentamenti burocratici e progettuali. Dunque al 100 % la nuova stagione sportiva inizierà nell’impianto dello stadio Matusa che non è poi nemmeno così da buttare via visti i lavori di ampliamento fatti per ospitare la Serie A.  Contorto è anche il discorso calciomercato. Il presidente Maurizio Stirpe sempre in conferenza stampa ha annunciato la rottura dei rapporti tra il Frosinone e Massimiliano Carlini; Stirpe ha detto di non aver ha capito il comportamento del ragazzo che si è autoescluso quando invece da parte della società c’era la voglia di rinnovare il contratto, le altre situazioni in scadenza erano quelle di Massimo Zappino e Roberto Crivello che entrambi rinnoveranno e per il primo si profila anche un ruolo dirigenziale in futuro. Al momento ovviamente non si muove nessuna pedina e nessun giocatore viene accostato alla squadra ciociara visto che ancora non è stato ufficializzato il nome del nuovo tecnico, una volta fatto ciò si inizieranno a scoprire le carte in vista del campionato 2016/17.

Nicola Compagnone

CONDIVIDI