SERIE B, IL PUNTO SUL CAMPIONATO

di Alessandro Lunghi

Poco ma sicuro: la prova di maturità è fallita.

Il Frosinone perde a Palermo 1-0 ma quello che più preoccupa non è tanto il risultato finale quanto l’atteggiamento. Già, perché come era già accaduto contro Bari e Perugia (senza menzionare il primo tempo di Cremona) sembra essere mancata la giusta condizione psicologica, a testimonianza del fatto che contro le grandi del campionato questa squadra sembri soffrire l’ansia da prestazione.

Un problema mentale, dunque, che deve lasciar riflettere: contro le dirette concorrenti (Empoli e Palermo) una sconfitta e due pareggi, in attesa naturalmente del ritorno contro la squadra di Andreazzoli al Benito Stirpe; in più va considerato che nelle ultime sette gare la truppa gialloazzurra capitanata da Moreno Longo ha conquistato appena sette punti su diciotto complessivi. Numeri non troppo entusiasmanti per una squadra che come obiettivo dall’inizio del torneo ha nella mente quello di tornare in Serie A.

Compattezza ed unità di intenti: servirà principalmente questo. Un ambiente intelligente, in grado di risollevare moralmente un gruppo che mai come in questo momento avrà bisogno del massimo aiuto di tutti. Perché nulla è perso ma d’ora in avanti sbagliare risulterà decisivo. Il Palermo al momento dista tre punti dal Frosinone ma dovrà recuperare la trasferta di Parma: in caso di vittoria la squadra siciliana salirebbe a pari dei laziali in classifica e forte del vantaggio nello scontro diretto sarebbe seconda. Discorso simile allo scorso anno con il Verona che riuscì proprio in virtù della differenza reti (nonostante avesse gli stessi punti dei ciociari) ad essere promossa direttamente nella massima Serie: occhio dunque a non ripetere gli errori del passato…

CONDIVIDI