Province – Pompeo: “No alla propaganda populista sui nostri enti e sulle spalle dei cittadini”

Una seduta della Conferenza Stato-Città
“Da membro della Conferenza Stato Città Autonomie locali e da presidente dell’Upi Lazio sto seguendo in prima persona il tavolo sulla riforma degli enti territoriali. Posso testimoniare che stiamo lavorando con serietà e profitto e con un approccio istituzionale, teso unicamente a favorire una migliore gestione del governo dei territori, semplificando e snellendo la macchina amministrativa. Un percorso che parte da un assunto di fondo, mai messo in discussione: le Province sono un anello fondamentale della catena istituzionale, sono previste in Costituzione perché un ente intermedio tra Stato, Regioni e Comuni è necessario e vanno messe in condizioni di agire. Siamo e continuiamo ad essere decisivi per la tutela delle comunità locali, per i servizi ai Comuni, e penso alla Stazione Unica Appaltante, per la messa in sicurezza di strade e scuole e per il contributo che possiamo dare al rilancio dell’economia di un terra”.
E’ quanto dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo in merito all’ultima polemica in seno al Governo gialloverde sul futuro delle Province.
“In questi mesi abbiamo avuto un’interlocuzione diretta con tutte le più alte cariche dello Stato, anche con il Pontefice, proprio per rilanciare la dignità istituzionale degli enti che presiediamo e abbiamo incardinato un discorso e un percorso che non possono non andare avanti. Spiace dunque prendere atto che la propaganda elettorale entri a gamba tesa su un argomento come questo, in cui non sono in discussione le poltrone, perché abbiamo già dimostrato che le Province ne sanno fare a meno, l’unico ente a farlo tra l’altro, ma stiamo parlando e decidendo dei diritti dei cittadini. Non ci interessa il sistema elettorale, ci interessa che le Province possano assolvere alle loro funzioni”.
“Già in passato, e lo abbiamo evidenziato proprio per non cadere nello stesso errore, l’approccio propagandistico non è stato utile. Per cui chiediamo con forza che si continui un lavoro già iniziato con responsabilità e serietà, tenendo conto, e questo stupisce, che al tavolo sono sedute entrambe le forze che rappresentano il Governo, con il sottosegretario Candiani e il viceministro Castelli, per cui sia Lega che M5S sono a conoscenza del percorso di riforma che si intende avviare”.
Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week